BARLETTA PIANO FESTIVAL – Lunedì 17 luglio recital di Alexander Tutunov: la storia sovietica si fa musica

0
280

BARLETTA PIANO FESTIVAL – Lunedì 17 luglio recital di Alexander Tutunov: la storia sovietica si fa musica,

 

dal 1° luglio al 10 agosto

 

Lunedì 17 luglio in programma anche pagine di Bach, Brahms e Beethoven

Tutunov, la storia sovietica si fa musica

Il grande pianista russo-americano celebra Rachmaninov e Prokofiev

 

Per la sezione «eccellenze internazionali» al Barletta Piano Festival lunedì 17 luglio (ore 21.15), all’Hotel La Terrazza, è di scena il pianista russo-americano Alexander Tutunov. Ritenuto tra i maggiori virtuosi degli ottantotto tasti sfornati dalla grande scuola pianistica dell’ex Unione Sovietica, Tutunov si esibirà per il festival diretto da Pasquale Iannone in un progetto di partenariato con la Southern Oregon University, dove il musicista è docente e artista residente. L’impaginato del recital si aprirà nel segno di Johann Sebastian Bach e del «Piccolo preludio» tratto dalla collezione di pezzi che il genio di Eisenach scrisse per il nipote Wilhelm Friederich e che Tutunov proporrà nell’arrangiamento del connazionale Alexander Siloti. Seguiranno i primi due Intermezzi dell’op. 118 di Johannes Brahms che faranno da ponte verso la Sonata op. 27 n. 2 «Al chiaro di Luna» con la quale Ludwig van Beethoven decise di rompere gli schemi abituali per sperimentare nuove forme di organizzazione, imponendo anche un nuovo modo di pensare il suono del pianoforte.

Tutta russa la seconda parte del concerto, con il Momento musicale op. 16 n. 5 di Sergej Rachmaninov e due composizioni di Sergej Prokofiev, che parallelamente al balletto «Romeo e Giulietta» nel 1937 compose anche i «Dieci pezzi per pianoforte da Romeo e Giulietta op. 75», l’ultimo dei quali, il numero 10, «La separazione di Romeo e Giulietta»,  Tutunov ha scelto per introdurre la Sonata n. 7 op. 83 composta da Rachmaninov tra il 1939 e il 1942 e con la n. 6 e la n. 8 parte del cosiddetto trittico delle Sonate di guerra, che per la loro intensità e il periodo di composizione sono state interpretate come un resoconto degli orrori dell’epoca.

Tutunov è stato vincitore del primo premio al Concorso della Bielorussia e al Concorso Nazionale Russo e il suo modo di suonare è stato descritto dalla stampa di Mosca «esaltante ed ispirato». Sinora si è esibito regolarmente in Europa, Cina, Messico e negli Stati Uniti, registrando per radio e televisioni nazionali. La sua incisione del Concerto per Pianoforte e Orchestra di Abeliovich, utilizzata per il documentario «Terra degli zar», ha ottenuto il premio Emmy come migliore colonna sonora.

Inizio concerto ore 21.15. Info 347.6194215. Costo dei biglietti e modalità di acquisto su barlettapianofestival.it.

Redazione

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.