XIII edizione del “Carl Orff Music Festival” a Putignano: il primo concerto

0
1102
Ensemble di rara composizione con musicisti al debutto in Italia e programma di grande interesse per il primo concerto per la XIII edizione del “Carl Orff Music Festival”, il festival della grande musica internazionale da camera organizzato dall’Associazione Artistico Musicale Carl Orff, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Putignano, il sostegno del Club Imprese per la Cultura Confindustria Bari-BAT e la partnership del Conservatorio di Amsterdam.
Domenica 1 settembre alle ore 20.30 nella Chiesa di San Domenico a Putignano
Concerto per otto violoncelli e soprano
Produzione del Conservatorium van Amsterdam
Programma
  1. RACHMANINOV – VOCALISE per soprano e ottetto di violoncelli
  2. BRUCH – Kol Nidrei
  3. POPPER – Polonaise
    P. CASALS – Song of the birds
LUIZ BONFÁ – Manha de Carnaval
  1. V. Lobos:
BACHIANA 5 per soprano e ottetto di violoncelli
BACHIANA 1. Per ottetto di violoncelli

Violoncelli: M° Jelena Ocic, Amke te Wies, Sara Novoselic, Dominika Kaczmarczyk, Chieko Donker  Duyvis, Cormac O‘Briain, Antoni Cholewinski, Sheng-Chiun Lin.
Soprano: Maria Novella Malfatti
Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Il “Carl Orff Music Festival” 2019 prosegue mercoledì 4 settembre alle ore 20.30 nella Chiesa di San Domenico a Putignano con un concerto per archi e pianoforte: Violino: GernotSuessmuth; Viola: Felix Schwartz; Violoncello: Jelena Ocic; Pianoforte: Josè Gallardo.
Musiche di G. Enescu, W. A. Mozart, J. Brahms.
Jelena Ocic
Il compianto Siegfried Palm, grande interprete della musica contemporanea, ha scritto di Jelena Očić, “lei è uno dei principali talenti per la musica contemporanea”. Bernard Greenhouse, fondatore del violoncello del Beaux Arts Trio, ha dichiarato: “Non conosco nessun violoncellista più grande nella sua generazione”.
Dopo aver completato gli studi musicali nella sua città natale, Zagabria (Croazia) nella classe di Valter Despalj, Jelena Očić ha continuato i suoi studi alla Musikhochschule di Mannheim con il violoncellista americano Michael Flaksman. Ha continuato ad arricchire il suo linguaggio musicale e la sua abilità strumentale sotto la guida di Bernard Greenhouse negli Stati Uniti.
Ha insegnato alla Musikhochschule di Mannheim fino al 2015. Attualmente, Jelena Ocic ha una cattedra di specializzazione al CvA in Olanda. Tra i suoi studenti ci sono vincitori di concorsi internazionali e membri di importanti orchestre.
Con le sue interpretazioni della letteratura per violoncello, dai compositori Barocchi a quelli contemporanei, Jelena Očić lascia sempre un’impressione indimenticabile sul suo pubblico. Yehudi Menuhin Festival, Kronberg, Samobor Autumn festival, Westfallenclassic festival, Cello Biennale Amsterdam, ecc. Sono alcuni dei festival in cui è apparsa come solista o come parte di ensemble di musica da camera.
Ha partecipato a importanti orchestre da camera e orchestre sinfoniche in Europa e Asia. Tra i suoi compagni di musica da camera ci sono artisti straordinari come Jose Gallardo, Gernot Süssmuth, Friedemann Eichhorn, Julius Berger, Per Arne Glorvingen, Marco Rizzi, Vladimir Mendelssohn, Bernd Glemser con cui si è esibita come membro del quartetto di Delian, l’attore tedesco Ganz, Liviu Prunaru, e il violoncellista del trio Beaux Arts Bernard Greenhouse, alla cui memoria è dedicato il suo CD Challenge, e la Kreutzer Sonata di Beethoven. Numerosi compositori (Cornell, Šenderovas, Dott, Sorg, Prohaska, ecc.) hanno dedicato le loro opere a lei. Le sue registrazioni per Challenge Classics della Kreutzer Sonata di Beethoven, le sonate di Ginastera, Hindemith, Kabalevsky e il suo CD “The barock experience”, così come le opere contemporanee, sono state accolte con grande successo dalla critica.

Maria Novella Malfatti

Nel 2020, farà il suo debutto al Concertgebouw di Amsterdam nel ruolo di Azema nella Semiramide di Rossini, diretta da Michele Mariotti. Durante la stagione 2018-2019, si è esibita al Tiroler Festspiele Erl in Austria come Musetta in La Bohème di Puccini sotto la direzione di Paolo Carignani e come soprano solista nella Passione secondo Matteo di J.S.Bach, diretta da Martin Sieghart; nella St. John Passion di Bach a Utrecht e Oosterhout diretta da Bernhard Touwen e Rick Muselaers; e in Weill’s Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny al Festival d’Aix-en-Provence sotto la direzione di Esa-Pekka Salonen.
Dal 2017, canta regolarmente al Tiroler Festspiele Erl sotto la direzione di Gustav Kuhn, cantando i ruoli di Tamiri in Il re pastore di Mozart; Musetta in La bohème di Puccini; Cleone in Ermione di Rossini; Ein Junger Hirt nel Tannhäuser di Wagner; e come solista soprano nella Passione di San Matteo e nell’Oratorio di Natale di Bach. Nel 2015, ha registrato un duetto da La traviata di Verdi con Andrea Bocelli per “La Musica del Silenzio” di Michael Radford, un film biografico sulla vita di Bocelli. Nel settembre del 2018, è stata finalista al 52 ° Concorso Vocal International di s ‘Hertogenbosch e nel 2016 ha ottenuto il terzo premio al Concorso Internazionale Ferruccio Tagliavini per cantanti lirici di Deutschlandsberg, in Austria.
È laureata con il massimo dei voti Cum Laude in Master Classical Voice al Conservatorio di Amsterdam sotto la tutela di Sasja Hunnego. Prima dei suoi studi ad Amsterdam, ha studiato canto con soprani acclamati quali Janet Perry e Raina Kabaivanska presso l’Accademia Chigiana di Siena. Ha inoltre studiato violino al Conservatorio “L. Boccherini” di Lucca con il Maestro Alberto Bologni.
redazione

LASCIA UN COMMENTO