PROTEGGERSI DAL FREDDO? GUANTI E CALZE DI LANA: I CONSIGLI DEL MEDICO GIUSEPPE CINQUEPALMI

0
314

PROTEGGERSI DAL FREDDO? GUANTI E CALZE DI LANA.

I CONSIGLI DEL MEDICO DOTT: GIUSEPPE CINQUEPALMI

in foto il dott. Giuseppe Cinquepalmi

 

Per mantenere una temperatura costante intorno ai 37°C, il corpo umano scambia calore con l’ambiente esterno mediante le valvole di termoregolazione artero-venose, presenti principalmente nelle mani e nei piedi, oltre che in altre estremità cosiddette “acrali” come il naso e le orecchie. Dunque d’estate, od in corso di attività fisica, per evitare il surriscaldamento, le valvole artero-venose si dilatano, scambiando calore con l’esterno e generando sudore per un più rapido raffreddamento, mentre d’inverno, come pure in stati di immobilizzazione, si restringono per non disperdere calore. Una disfunzione di tale sistema è conosciuta come “sindrome di Raynaud”. Pertanto d’inverno bisogna avere mani e piedi caldi, proteggendoli dal freddo con guanti e calze di lana.

Anche le mascherine in uso per il Covid 19 possono contribuire alla riduzione delle forme da raffreddamento, non solo per l’evidente effetto barriera, ma anche perché il calore dell’espirazione impedisce ai Rhinovirus, o virus del raffreddore, di colonizzare il naso quando la sua temperatura scende tra 33-34 gradi °C.

Antonio Carbonara

 

LASCIA UN COMMENTO