Prescrizione per l’ex senatore Alberto Tedesco: la decisione del Tribunale di Bari dieci anni dopo i fatti

0
958
Il senatore Alberto Tedesco in aula durante la discussione e votazione per la conversione in legge del decreto-legge 12 luglio 2011, n. 107, recante proroga degli interventi di cooperazione allo sviluppo e a sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione, nonch? delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia Roma, 26 Luglio 2011. ANSA//SERENA CREMASCHI

(ANSA) – BARI, 05 MAR – Il Tribunale di Bari ha dichiarato la prescrizione per l’ex senatore Alberto Tedesco, accusato di essere stato a capo, quando era assessore regionale alla Sanità in Puglia, di un presunta ‘cupola’ che tra il 2005 e il 2009 pilotando nomine e truccando appalti. Quando le notizie di stampa rivelarono l’esistenza dell’indagine, nella primavera del 2009, Tedesco si dimise da assessore regionale. Inizialmente le accuse erano di concussione, reato che oggi il Tribunale ha riqualificato in induzione indebita a dare o promettere utilità. Oltre che per lui, la prescrizione è stata dichiarata anche per altri cinque imputati, mentre altri quattro sono stati assolti nel merito. Nel febbraio 2011, la magistratura ottenne l’arresto di 5 indagati e chiese l’autorizzazione a procedere anche all’arresto di Tedesco, che nel frattempo era stato eletto senatore. Il Senato bocciò la richiesta per ben due volte e Tedesco finì ai domiciliari, per 12 giorni, due anni dopo, nel marzo 2013, alla scadenza del mandato parlamentare.

ansa

redazione

LASCIA UN COMMENTO