Nella Cattedrale di Lecce concerto da camera “Fatto per la notte di Natale” con Le Armoniche Stravaganze, per il Festival Organistico del Salento

0
90

Festival Organistico del Salento

VIII edizione

Direzione artistica Francesco Scarcella

Il festival nato per valorizzare il ricco patrimonio di organi storici del Salento, ospitando sia giovani organisti che musicisti di chiara fama

DOMENICA 18 dicembre, ORE 19.00

Cattedrale di Lecce

Organo Giovanni Tamburini 1989

Fatto per la notte di Natale”

Viaggio tra gli autori più rappresentativi del barocco italiano

con l’Orchestra da camera Le Armoniche Stravaganze

*****

Il Festival Organistico del Salento, alla sua VIII edizione, con la direzione artistica del Maestro Francesco Scarcella, approda al Duomo di Lecce con il concerto da camera Fatto per la notte di Natale: un viaggio immersivo nel cuore del Barocco tra bellezze artistiche e musicali. Saranno eseguite musiche di Vivaldi, Corelli, Albinoni, Manfredini, ivi compreso Haendel che in Italia e dall’Italia ha preso il grande magistero, in piena sintonia con il barocco leccese.

L’appuntamento è per domenica 18 dicembre alle ore 19 presso il Duomo di Lecce. A risuonare sarà l’Organo meccanico Giovanni Tamburini (1989) insieme all’ensemble da camera Le Armoniche Stravaganze così composto: Ivo Mattioli, Danilo Mattioli, Valentina Marra e Naida Ingrosso (violini), Carla De Fabrizio (viola), Tiziana Di Giuseppe (violoncello), Samuele Semola (contrabbasso), Luigi Bisanti (flauto), Francesco Porpora (oboe), Giuseppe Spedicati (fagotto) e Francesco Scarcella (organo e direzione).

 L’Ensemble Le Armoniche Stravaganze, fondato nel 2004 da Francesco Scarcella, nasce in seno alle attività del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio “T.Schipa” di Lecce, con l’intento di riscoprire, studiare e divulgare la musica rinascimentale e barocca, in particolar modo quella pugliese e della Scuola Napoletana.

Vi confluiscono esperienze e suggestioni di musicisti professionisti nel settore delle esecuzioni storicamente informate, cambiando l’organico in funzione del repertorio affrontato ed utilizzando strumenti antichi o copie filologiche.

L’Ensemble si esibisce in molte città italiane ed europee (Oxford, Parigi, Firenze, Copenaghen ecc.), riscuotendo entusiastici consensi di pubblico e di critica.

Redazione

LASCIA UN COMMENTO