Mario Desiati a Bari: Talk al mattino e spettacolo teatrale serale al Piccinni

0
47

Sabato 26 novembre

MARIO DESIATI

Talk “Nella stanza degli spiriti”

Spettacolo serale “Ternitti”

“Altri Mondi”

Stagione teatrale Bari 2022/23

 

Lo scrittore Premio Strega Mario Desiati inaugura la nuova sezione “Leggere il Sud”, della Stagione teatrale 2022/23 del Comune di Bari, dal titolo “Altri Mondi”, realizzata in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.  Talk letterari dedicati alle grandi penne e menti del nostro territorio ad ingresso libero con prenotazione.

 

L’appuntamento è sabato 26 novembre (ore 11, teatro Piccinni) con “Nella stanza degli spiriti”: Mario Desiati, autore del libro Premio Strega2022 “Spatriati”, accompagnato dalla giornalista Antonella W. Gaeta, condurrà il pubblico nella sua personale “stanza degli spiriti”, quella mappa di riferimenti, autori, libri, ispirazioni che abitano il suo universo letterario e nutrono la sua scrittura.

 

Nella stessa sera andrà in scena per la prima volta lo spettacolo “Ternitti”, dal romanzo di Mario Desiati, per la regia di Enrico Romita, con le musiche dal vivo dei Radicanto, in scena Giusy Frallonardo e Maria Giaquinto (ore 21, teatro Piccinni, https://www.vivaticket.com/it/ticket/ternitti/194934)

 

SINOSSI SPETTACOLO

Domenica Orlando, detta Mimì, un’operaia di 50 anni, ragazza madre, impiegata nel cravattificio della sua città, è sul tetto della fabbrica, a difendere il suo lavoro e quello delle donne del Capo dalla nuova prevista delocalizzazione. Il racconto dei suoi cinquant’anni di vita, dall’emigrazione in Svizzera al ritorno in patria e alla lotta per la quotidiana sopravvivenza, si intreccia a quello del nostro Paese e alle vicende che hanno segnato la storia dell’Italia nel corso dell’ultimo mezzo secolo. Alla voce di Mimì si contrappone quella della figlia Arianna, giovane donna del sud in cerca di un destino diverso da quello della madre. La versione per il teatro sceglie infatti, per raccontare questa storia, di dare voce alle due donne, madre e figlia. La giovane Arianna si troverà ad interrogarsi sull’origine della sua stessa esistenza, tanto da decidere, come medico, di implicarsi in prima persona nel sostegno dei diritti dei malati di ternitti. Si renderà conto presto di come la sudditanza culturale oltre che economica di quei territori sia all’origine, oggi come allora, di tanti scempi e sopraffazioni.

redazione

LASCIA UN COMMENTO