Il Miulli realizza un video per la Giornata Mondiale del Tumore al Pancreas​ (17 novembre)

0
60

17 NOVEMBRE: IL MIULLI REALIZZA UN VIDEO PER LA GIORNATA MONDIALE DEL TUMORE AL PANCREAS

 

 

Il team multidisciplinare del nosocomio di Acquaviva delle Fonti ha realizzato un video informativo e di sensibilizzazione nella lotta a questa neoplasia, che colpisce circa 15.000 pazienti ogni anno in Italia e che resta un nemico difficile da combattere.

Anche per il 2022 l’Ospedale Miulli aderisce alla Giornata Mondiale del Tumore al Pancreas, che si tiene il 17 novembre e che vede coinvolto l’intero team multidisciplinare del nosocomio. A testimonianza dell’impegno quotidiano profuso nella cura di questa difficile patologia, l’Ospedale ha realizzato un video informativo e di sensibilizzazione nella lotta a questa neoplasia, che colpisce circa 15.000 pazienti ogni anno in Italia e che resta un nemico difficile da combattere. Spesso, infatti, la diagnosi è realizzata troppo tardi e la chirurgia può essere applicata solo a meno del 20% dei pazienti.

Attualmente questa neoplasia rappresenta nei paesi occidentali la quarta causa di morte per tumore e si stima che entro il 2030 possa diventare la seconda causa di morte per tumore. Sebbene negli ultimi anni siano stati realizzati importanti progressi nel percorso di cura per questo tumore, i risultati restano ancora preoccupanti, perché a cinque anni dalla diagnosi solo il 10% dei pazienti è ancora vivo. Grazie ai progressi nel campo della ricerca, il numero di chemioterapie e la sua migliore somministrazione permettono di avere più possibilità di cure e grazie anche al progresso della ricerca è possibile identificare con test genetici persone che risultino essere più a rischio di sviluppare questo tipo di tumore.

La diagnosi precoce è molto difficile, perché i sintomi in fase iniziale sono aspecifici e tendono a manifestarsi quando la malattia è già presente, con ittero (ostruzione delle vie biliari), dolore persistente alla schienaperdita di peso e insorgenza improvvisa di diabete.

Fattori di rischio per lo sviluppo di neoplasie pancreatiche sono il fumo, diabete, obesità e vita sedentaria, oltre ad un importante ruolo della familiarità. In merito a questo discorso, da tempo gli specialisti sottolineano l’importanza di rivolgersi ad un centro di riferimento di chirurgia pancreatica, che attualmente vengono identificati come centri che svolgono un alto numero di interventi con una mortalità postoperatoria ridotta. È diritto fondamentale, e deve essere richiesto dal paziente, al fine di verificare la serietà del centro a cui ci si affida, che venga prodotta una documentazione scritta che certifichi che il caso sia stato discusso da tutti gli specialisti del team multidisciplinare e quale decisione sia stata collegialmente presa al fine di identificare il miglior percorso di cure per il paziente.

Dove nel percorso di cure sia stata scelta la chirurgia come trattamento, è doveroso per il paziente informarsi su quanti casi di chirurgia pancreatica vengano svolti nel centro in cui ci si affida, sapendo che attualmente un minimo di 25 interventi annui per tumore al pancreas è richiesto per poter definire un centro come centro esperto in patologia pancreatica, sebbene nella realtà italiana molti ospedali trattino questa patologia senza avere le competenze necessarie penalizzando il malato. In presenza dei requisiti sopra citati, il paziente può sentirsi preso in carico in un centro competente nella gestione del tumore al pancreas.

redazione

LASCIA UN COMMENTO