Elicottero precipitato ad Apricena, recuperate le prime 5 salme

0
93

Sono state estratte le prime 5 salme dalle lamiere dell’elicottero precipitato ieri sul Gargano. Le salme sono state portate in un centro operativo, una sorta di campo base che si trova a quattro chilometri dal luogo della tragedia. Sul posto stanno operando i carabinieri insieme con gli uomini della Protezione Civile . Nel pomeriggio il procuratore capo Ludovico Vaccaro terrà una conferenza stampa sul luogo del disastro. .

“Sapevamo tutti che c’era una forte perturbazione sul Gargano, tant’è che venerdì l’elicottero non era partito. Sapevamo che le condizioni non erano ideali. Non so da chi sia arrivato l’ok per il decollo, chissà forse dalla torre di controllo”. Sono le parole di Francesco Nardelli, padre di Andrea Nardelli, il pilota di 39 anni deceduto nello schianto avvenuto ieri sul Gargano e costato la vita a sette persone. Questa mattina il papà del pilota si è recato sul luogo della tragedia. “Perdere un figlio così a 39 anni è un dolore inspiegabile – ha detto all’ANSA l’uomo – Mio figlio ha dedicato una vita agli elicotteri. Si è brevettato nel 2007, ed è cresciuto nell’Alidaunia. Era un pilota esperto. Non ha mai avuto alcun problema. L’ultima volta che l’ho sentito è stato venerdì sera, ma abbiamo parlato del più e del meno. Era sereno”. Intanto sul luogo della tragedia il magistrato Matteo Stella ha fatto un nuovo sopralluogo. “Siamo qui per capire quando ci restituiranno il corpo di mio figlio – dice Francesco -. Spetterà ai periti e ai tecnici dell’Aeronautica accertare cosa sia successo ieri mattina. Con mio figlio c’era un veterano dei piloti dell’Alidaunia. Ma a prescindere dalle causa, questo non ci restituirà nostro Andrea”, ha concluso.

“A nome di tutto il personale dell’Alidaunia, nel giorno più buio della nostra ultra-quarantennale storia, ritengo doveroso rompere il religioso silenzio in cui il drammatico evento mi ha portato a chiudere. Lo faccio per esprimere il senso del nostro inconsolabile dolore per le perdite sofferte. Consapevoli di quanto possa essere poca cosa in confronto all’abisso di sofferenza e dolore in cui sono sprofondati, voglio sommessamente esprimere alle famiglie dei nostri passeggeri, dei nostri piloti e amici, la nostra vicinanza”. Lo afferma in una nota Francesco Nitti, amministratore unico Alidaunia Srl proprietaria dell’elicottero precipitato ieri sul Gargano. “Un particolare ricordo – aggiunge – vorremmo dedicarlo agli amici Luigi ed Andrea. Luigi è sempre stato il più bravo, il più gentile, un fulgido esempio per i suoi colleghi ed un maestro di vita per tutti noi. In ultimo, solo perché il più sofferto, va il nostro più caldo abbraccio ai genitori di Andrea, privati dell’amore del loro figlio. Sappiamo quanto il dolore sia inconsolabile: mai ad un genitore dovrebbe essere consentito di sopravvivere ad un figlio!”.

redazione

LASCIA UN COMMENTO