BARI INTERNATIONAL GENDER FESTIVAL – BIG BODY WEEK

0
43

BARI INTERNATIONAL GENDER FESTIVAL

 

BIG BODY WEEK

 

Ultimi tre appuntamenti prestigiosi della «Big Body Week» di ottobre con la performance del danzatore e coregrafo Daniele Albanese e l’esperienza immersiva del workshop di Fiorenza Menni (direttrice di Ateliersi), con la lettura in ensemble del testo della storica e attivista Porpora Marcasciano, «Tra le rose e le viole. La storia e le storie di transessuali e travestiti». Da venerdì 28 a domenica 30 ottobre.

 Da venerdì 28 a domenica 30 ottobre si svolgeranno gli ultimi tre preziosi appuntamenti a Bari per la «Big Body Week» del Bari International Gender Festival (organizzato dalla Cooperativa Sociale Al.I.C.E.).

Venerdì 28 ottobre, alle 19,30, nell’Ex Biblioteca Sagarriga Visconti di Bari (Palazzo Ateneo), in collaborazione con la Fondazione Dioguardi e il progetto Cantiere Evento, in scena ci sarà il danzatore e coreografo Daniele Albanese con «Home Altrove». Si tratta di uno spettacolo, e al tempo stesso una cornice di riflessione, sulla comunicazione invisibile nella zona di confine tra l’azione e il pensiero, tra ciò che è qui e ciò che è altrove. A partire dal presupposto che il meccanismo sotteso all’atto performativo può essere considerato “casa” in quanto archivio personale, funzionale, emotivo – quindi luogo dell’identità – «Home Altrove» indaga forme di linguaggio mutevoli, flottanti, che fluiscono all’interno di un ambiente vivo, eterogeneo in cui il confine tra spazi, linguaggi e direzioni è luogo di turbolenza, di problematicità ma anche di ricchezza.

 

Daniele Albanese, danzatore coreografo, lavora tra l’Italia e Berlino. Formatosi come ginnasta e ballerino, si diploma nel 1997 ad «ArtEZ» in Olanda. Dal 1995 è autore indipendente e interprete per numerosi artisti di fama internazionale. Nel 2002 fonda la compagnia «STALKER» e dal 2017 è artista associato del «Gruppo Nanou».

Sabato 29 ottobre alle 20,30, e in replica domenica 30 alle 19,30, a Spazio13 toccherà al celebre collettivo teatrale Ateliersi, diretto da Fiorenza Menni, attrice e autrice. In scena «Al cosmo», una lettura in ensemble ad alta voce del libro «Tra le rose e le viole. La storia e le storie di transessuali e travestiti» di Porpora Marcasciano: una pratica laboratoriale, un’esperienza di lettura collettiva, una condivisione pubblica, un reading partecipativo che accoglie le persone e le invita ad assistere ad alcuni momenti di lettura condivisa ad alta voce, orchestrati da Fiorenza Menni, a partire dal testo della storica e attivista campana. Chi guarda diventa testimone di un percorso di trasmissione e trasformazione, abitando liberamente lo spazio, riposando nell’ascolto, fermandosi secondo il proprio piacere. Le voci dei partecipanti trascendono il verso animale e il linguaggio verbale, oltrepassano la necessità del richiamo e si organizzano per narrare. Le parole di «Tra le rose e le viole» di Marcasciano si fanno materia tangibile, lasciando che le dieci interviste che compongono il memoir prendano vita, in un corpo a corpo con cinquant’anni di battaglie, portate avanti da chi combatte per la propria autodeterminazione.

Da venerdì 28 a domenica 30 ottobre, inoltre, sempre a Spazio13 si terrà un workshop con Fiorenza Menni (negli orari pomeridiani, dalle 17,30 alle 20,30, e la domenica dalle 17,30 alle 19,30) che anticiperà poi le restituzioni al pubblico di sabato e domenica. Sarà un lavoro di lettura corale del testo di Porpora Marcasciano, un’esperienza di condivisione, a partire dalle interviste che compongono il libro e che scandiscono la memoria e il presente del movimento trans in Italia. Per iscriversi, è necessario inviare una mail a prenotazionibig@gmail.com, la quota di iscrizione è di 20 euro.

 

Ateliersi è un collettivo teatrale diretto da Fiorenza Menni, attrice e autrice. La sua scrittura è volta alla creazione di una drammaturgia originale, risultato di una costante ricerca contenutistica e formale sulla base di studi filosofici e riflessioni nel campo dell’arte. Insieme ad Andrea Mochi Sismondi crea le opere teatrali per Ateliersi, presentate in contesti e festival di teatro quali «Santarcangelo», «Da vicino nessuno è normale», «Romaeuropa Festival», «Crisalide». Si occupa della formazione dell’attore proponendo percorsi di lavoro che tendono ad allenare la precisione contestuale e sentimentale dell’interpretazione, utilizzando i materiali del suo stesso percorso e ricerca. Fiorenza Menni ha collaborato in qualità d’attrice, tra gli altri con Teatro delle Albe e Fanny & Alexander. Attualmente collabora con artisti e performer provenienti da diverse discipline artistiche e scientifiche, e come formatrice con Jean Michèle Bruyère (Sup de Sub. Formations à Être pour la liberté). Nel 2007 è stata insignita del Premio Eleonora Duse – Menzione d’Onore miglior attrice emergente.

 

 

I biglietti degli spettacoli sono in vendita su DICE – link.dice.fm/biggenderfestival2022

 

Per informazioni consultare il sito del festival www.bigff.it.

 

 

 

CREDITI

 

BIG – Bari International Gender festival è un progetto ideato e promosso da AL.I.C.E. (ALternative Integrate Contro l’Emarginazione) – Area Arti Espressive, con il sostegno di FUS – Ministero della Cultura, Regione Puglia, Comune di Bari, Ufficio Tecnico – Tavolo Tecnico LGBTQI Comune di Bari, Istituto di Cultura Francese, con la collaborazione di TPP – Teatro Pubblico Pugliese, Apulia Film Commission, Alliance Française, Università degli studi di Bari ‘Aldo Moro’ Dipartimento ForPsiCom – Scienza della Formazione, Psicologia, Comunicazione, Archivio di Genere, Articolo12, Teatro Kismet, Teatri di Bari, Octopost, Spazio 13, Spazio Murat, Officina degli Esordi, Fondazione Dioguardi – Cantiere Evento, Voga Art Project, Palazzo Fizzarotti – Fondazione H.E.A.R.T.H., Libreria Prinz Zaum, Ubique Concerti, Experience, Rex Extensa, ToiToi, Coordinamento Festival LGBTQI+ Italiani, Murgia Queer, Collettivo Ptta, CITT, Frulez.

 

 

CONTATTI

 

Sito: www.bigff.it

FBBari International Gender festival

IG@bari_gender_festival

Redazione

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO