ARCHEOLOGIA, ORFEO E LE SIRENE TORNANO A TARANTO. EMILIANO: “RINGRAZIO IL MINISTRO SANGIULIANO E I CARABINIERI PER IL LAVORO STRAORDINARIO”

0
293

ARCHEOLOGIA, ORFEO E LE SIRENE TORNANO A TARANTO.
EMILIANO: “RINGRAZIO IL MINISTRO SANGIULIANO E I CARABINIERI PER IL LAVORO STRAORDINARIO”
.

 

“Ringrazio il ministro Sangiuliano per la sua presenza qui, i carabinieri del nucleo di Tutela del Patrimonio Culturale che hanno fatto un lavoro straordinario, guidati dal generale Molinese che è un pugliese ed è una persona che ha molto a cuore il recupero delle opere d’arte trafugate in Italia, e in particolare in Puglia. Soprattutto colgo come un segnale molto positivo quello che ha detto il ministro con il riferimento a fare di Taranto la capitale della cultura del Mediterraneo. I Giochi del Mediterraneo, che ci stanno facendo tribolare, sono una pietra miliare per arrivare a questo obiettivo, collegando Taranto alle grandi capitali del Mediterraneo. Questo piano lo abbiamo in testa da molti anni e speriamo di riuscire a realizzarlo rapidamente, con la collaborazione di ministri come Sangiuliano”.

Lo ha dichiarato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano partecipando questa mattina a Taranto, alla presenza del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, alla presentazione del gruppo scultoreo di Orfeo e le Sirene, tre statue in terracotta a grandezza quasi naturale, con i frammenti dei riccioli delle loro capigliature, del IV secolo a.C.
Le opere sono collocate, in maniera definitiva, nel nuovo allestimento del MArTA, il Museo archeologico di Taranto. Si tratta di un’opera di inestimabile valore frutto di uno scavo clandestino in un’area archeologica della zona negli Anni Settanta e successivamente esportata illecitamente negli Stati Uniti d’America. Le statue molto probabilmente
appartenevano a un monumento funerario o a un santuario.
Le indagini che hanno permesso il ritorno dell’opera in Italia sono state condotte dai Carabinieri del Comando Tutela del Patrimonio Culturale (TPC), coordinati dalla Procura della Repubblica di Taranto con l’importante supporto del District Attorney’s Office di Manhattan-New York (USA) e con la stretta collaborazione
dell’Homeland Security Investigations.
Le ricerche sono partite quando i militari hanno scoperto che un noto indiziato di reati contro il patrimonio culturale, avvalendosi di un’organizzazione con legami internazionali, aveva realizzato una serie di traffici di reperti archeologici, provento di uno scavo clandestino nella provincia di Taranto. Nel corso delle attività investigative si è scoperto che il noto trafficante aveva avuto un ruolo nello scavo e nell’esportazione illecita del gruppo scultoreo ‘Orfeo e le Sirene’.

Nel nuovo allestimento del MArTA, oltre al gruppo scultoreo di ‘Orfeo e le Sirene’, sono esposti anche i recenti ritrovamenti conseguenza delle attività di contrasto al traffico illecito di beni culturali svolta dal Reparto Operativo TPC. Questi beni sono stati recuperati dagli Stati Uniti d’America in un arco temporale compreso fra il dicembre 2021 e le ultime settimane: un corpus imponente di opere con numerosi pezzi di archeologia
di varie civiltà.

Alla conferenza stampa di presentazione erano presenti tra gli altri, anche Vincenzo Molinese, comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Massimo Osanna, direttore generale Musei, Eugenia Pontassuglia, procuratore della Repubblica a Taranto, Rinaldo Melucci, sindaco di Taranto.

 

 

Link video immagini Orfeo e le sirene

http://rpu.gl/9ILb8

 

Link video dichiarazione Sangiuliano

http://rpu.gl/lgARy

 

Link video dichiarazione Emiliano

http://rpu.gl/oD0nS

 

Link video immagini conferenza

http://rpu.gl/oGxIh

Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.