Al Galleria la tre giorni finale del contest THE NEXT GENERATION SHORT FILM FESTIVAL 2023

0
188

THE NEXT GENERATION SHORT FILM FESTIVAL 2023

 

11-12-13 DICEMBRE | VIII edizione

 

Multicinema Galleria

 

BARI

Torna nella città di Bari il festival dedicato al cinema breve nelle sue sperimentazioni tra cinema e arti visive. Lunedì 11, martedì 12 e mercoledì 13 dicembre il Multicinema Galleria ospita registi e autori delle opere in gara per l’ottava edizione del The Next Generation Short Film Festival 2023.

 

Il programma completo su http://www.thenextgenerationfilmfestival.it

Immagine incorporata

 

Taglia il traguardo dell’ottava edizione “The Next Generation Short Film Festival”, festival dedicato al cinema breve e alle sperimentazioni possibili tra cinema e arti visive, unico nel Sud Italia. La manifestazione, diretta da Tita Tummillo e Velia Polito, lunedì 11, martedì 12 e mercoledì 13 dicembre, con inizio alle 20, porta in sala al Multicinema Galleria di Bari le 22 opere in gara, esito di una open call che ha raccolto circa 200 adesioni da tutta Italia, con proiezioni, première, talk tra il pubblico e filmmaker presenti per l’occasione.

Il progetto è organizzato e promosso dalla Cooperativa Sociale Get, nell’ambito del progetto Accademia del Cinema Ragazzi, in collaborazione con APS “Alice in Cammino e le Arti” e WeShort, in network con ”CinEd European Cinema Education for Youth” e “Ibrida Festival delle arti intermediali”, nell’ambito dell’Apulia Cinefestival Network 2023, con il sostegno di Regione Puglia e Apulia Film Commission.

Da sempre attento ai talenti emergenti, alla possibilità di nuove visioni nel campo del linguaggio cinematografico e della videoarte, The Next Generation Short Film Festival decreterà i vincitori delle due sezioni di cui si compone il concorso: la prima, “Cinema”, dedicata ai lavori che utilizzano una narrazione di stampo prettamente cinematografico; e la seconda incentrata sul “Film d’artista”, opere brevi ‘ibride’ che si avvalgono del linguaggio video come strumento espressivo in senso libero e ampio, non propriamente lineare. Dopo una prima selezione realizzata dalla direzione artistica, insieme a Cosimo Terlizzi per la sezione “Film d’artista”, e a Domenico Centrone e Antonietta Rubino per la sezione “Cinema”, in sala arrivano 14 corti e 8 film d’artista.

La giuria di qualità, che lavorerà durante la tre giorni finali del contest per decretare i premi finali, sarà presieduta quest’anno da Silvana Silvestri, giornalista e critico cinematografico, redattrice del quotidiano «Il Manifesto», direttrice del supplemento culturale «Alias». Con lei, il regista Saverio Cappiello (per la sezione Cinema) e l’artista multidisciplinare Valentina Vetturi (per la sezione “Film d’artista”).

Lunedì 11 il festival si apre ufficialmente alle 20 al Galleria con alcuni dei primi finalisti delle due sezioni del contest: “Nono piano a destra” di Andrea Romano, “Las memorias perdidas de los árboles” di Antonio La Camera, “Old tricks” di Edoardo Pasquini e Viktor Ivanov, “Noi, nessuna persona plurale” di Diego Fossati e Riccardo Tampoia, “How?” di Antonio Michele Stea, “Alea” di Niccolò Buttigliero junior, “One breath partial but complete” di Lorenzo Spinelli, “Ancora continua il sibilo di canti bruciati” di Francesco Piro e Nicholas Remondino.

Fuori concorso, per il progetto CinEd promosso dalla Cooperativa Get Accademia del Cinema Ragazzi di Enziteto, sarà proietttato “Babajanja” di Ante Stolica, con presentazione a cura di Nico Centrone.

Martedì 12 si riparte alle 20 dal fuori concorso “Sisters” di Marianna Fumai. A seguire, altre sei opere finaliste di entrambe le sezioni: “A poet is dead” di Mattia Biondi, “Safari” di Leonardo Balestrieri, “Miranda’s mind” di Maddalena Crespi, “Black Eyed Dog” di Alessandro Cino Zolfanelli, “Tilipirche” di Francesco Piras, “Benzina” di Daniele Daquino.

Mercoledì 13, alle 20, l’ultima giornata sarà aperta da una selezione di tre lavori a cura di Ibrida Festival: “Inexpresable” di Ursula San Cristóbal, “1MTHMIN” (One month in one minute) di Ethan Néon, “Artifacts of you, artifacts of me” di Brecht De Cock.

A seguire, gli ultimi finalisti in gara: “Foto di gruppo” di Tommaso Frangini, “Z.O.” di Loris G. Nese, “Quasi perfetto” di Federico Frefel, “Api” di Luca Ciriello, “Spøkelsesby” di Gianmarco Donaggio, “Chello ’ncuollo” di Olga Torrico, “Sirene” di Ilaria di Carlo, “La piccola estate” di Sara Scalera.

Alle 22,30 si svolgerà la premiazione, mentre alle 23, andrà in scena “Rivisitazione dello sciopero”, performance live di Cosimo Terlizzi e Luca Maria Baldini.

I premi in palio, per l’ammontare complessivo di 4mila euro, saranno articolati in Miglior cortometraggio e miglior regia (sezione Cinema), e Miglior film d’artista e Miglior orizzonte poetico (per la sezione Film d’artista). Per la prima volta sarà inoltre assegnato il WeShort Award, il premio ufficiale di WeShort, partner di The Next Generation 2023: il Senior Commitee di WeShort, formato da professionisti dell’industria cinematografica, sceglierà il cortometraggio che più si sarà rivelato capace di rinnovare il mondo del grande cinema breve, sperimentando nuovi linguaggi e catturando l’essenza del cinema nelle sue forme più autentiche. Il vincitore riceverà il laurel brandizzato, due abbonamenti 4Life alla piattaforma e un contratto di distribuzione sulla piattaforma per via preferenziale.

Tutti i dettagli su thenextgenerationfilmfestival.it.

 

redazione

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO