Verdi protagonista della XII edizione del Festival del Belcanto – 1 e 3 agosto a Turi (BA)

0
127

 

 

L1 e 3 agosto a Turi (BA)

 

Verdi protagonista della XII edizione del Festival del Belcanto

 

Con “Ti racconto Rigoletto” del regista Giandomenico Vaccari in esclusiva nazionale

 

Il sinfonismo verdiano, con la sua drammatica intensità, protagonista della dodicesima edizione del Festival del Belcanto, patrocinata dal Comune di Turi, irrinunciabile appuntamento con la lirica promosso dall’associazione “Chi è di scena?!” e ospitato nel cuore del centro storico di Turi dall’1 al 3 agosto.

Si comincia lunedì 1 agosto alle 20.30, in piazza Gonnelli, con la partecipazione del cultore di storia locale Tino Sorino, autore di due saggi su Nino Rota, “In Seicento o a spasso con Nino Rota” e “Nell’intimità di Nino Rota”, editi da NeP. Rota fu così legato alle sonorità verdiane da prendere addirittura un suo valzer per “Il Gattopardo” di Luchino Visconti. Per ironia della sorte, quel valzer brillante è oggi ricordato da molti come autografo di Rota. L’incontro sarà moderato dal giornalista Sebastiano Coletta. Seguirà la consueta assegnazione del Premio Belcanto, da sempre affidato alle eccellenze liriche del territorio che contribuiscono a diffondere il nome della Puglia nel mondo, quest’anno consegnato al baritono di fama internazionale Marcello Rosiello. Subito dopo, le soprano Angela Lomurno e Valentina De Pasquale si esibiranno in alcune arie da camera verdiane accompagnate dalla pianista Rossella Perrone.

Mercoledì 3 agosto alle 21.30, con ingresso alle 20.30, nella suggestiva piazza Colapietro, sarà allestito “Ti racconto Rigoletto” per la regia di Giandomenico Vaccari. L’elegante settecentesco Palazzo Marchesale Venusio farà da naturale scenografia all’inedito racconto, coniato e interpretato dallo stesso Vaccari, dei tre atti del dramma verdiano, con le esecuzioni del baritono Carlo Provenzano (Rigoletto), del soprano Ripalta Bufo (Gilda), del tenore Francesco Castoro (Duca di Mantova) e del mezzosoprano Maria Candirri (Maddalena). Alla conduzione dell’Orchestra Filarmonica Pugliese lo stesso Ferdinando Redavid. Trasportato dalla voce narrante del regista pugliese, il pubblico ripercorrerà la fitta e crudele trama dell’opera attraverso le arie e i brani sinfonici più importanti, come “La donna è mobile”, emozionandosi e commuovendosi per un amore vero, quello della giovane Gilda, destinato a concludersi col sacrificio. La storia di un padre, un buffone di corte beffato dal destino, costretto ad assistere alla morte della sua unica figlia che tanto aveva cercato di proteggere dal donnaiolo Duca di Mantova. Saremo condotti per mano attraverso la genesi dell’opera da quando, nel 1832, fu scritta da Victor Hugo con il titolo “Le roi s’amuse” e censurata per oltre cinquanta anni, per arrivare alla trasposizione teatrale su libretto di Francesco Maria Piave con la musica di Giuseppe Verdi, messa in scena per la prima volta nel 1851 al Teatro La Fenice di Venezia. Una delle opere più intense della produzione verdiana che forma, assieme al “Trovatore” e alla “Traviata”, la triade che consegna definitivamente alla notorietà il compositore di Busseto.

Biglietti in prevendita sulla piattaforma Eventbrite https://www.eventbrite.it/e/biglietti-ti-racconto-rigoletto-357660089957.

Partner: Nuova ProLoco di Turi, TourPuglia, Carnevale di Putignano, Comitato Festa Patronale Turi. Un’occasione, il Festival del Belcanto, per immergersi nel valore senza tempo della musica e nella bellezza della cittadina pugliese, da dodici anni faro per la lirica in Puglia.

redazione

LASCIA UN COMMENTO