Università di Bari: dal dipartimento di Biologia uno studio del cromosoma 2 alla base della sindrome di Down

0
1005
Iniezione Intracitoplasmatica dello Spermatozoo (ICSI) nel Centro di Sterilità e Infertilità della Casa di Cura dell'Ospedale Internazionale di Napoli, 20 gennaio 2015. ANSA /CIRO FUSCO ++LA FOTO PUO' ESSERE TRASMESSA SOLO A CORREDO DELLA NOTIZIA++

Il meccanismo che ha permesso la stabilizzazione del cromosoma 2 nell’evoluzione dell’essere umano, potrebbe essere alla base dell’insorgenza di alcune patologie, come la sindrome di Down familiare e alcuni tumori ematologici.

E’ quanto ha evidenziato lo studio del gruppo di ricerca del dipartimento di Biologia dell’Università di Bari, coordinato dal professore Mario Ventura, e pubblicato sulla rivista ‘Molecular Biology and Evolution’. Lo studio ha rilevato che nello scimpanzé e nelle altre scimmie antropomorfe i due cromosomi ‘IIp’ e ‘IIq’ sono indipendenti, mentre nell’uomo i cromosomi corrispondenti si sono fusi: questo spiega perché il numero di cromosomi nell’uomo è pari a 46, mentre nei suoi parenti più vicini è pari a 48. Tale diversità – sottolinea Ventura – “ha rappresentato, da un punto di vista evolutivo, una forte barriera riproduttiva che ha isolato geneticamente le specie”.

ansa

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.