Teatro Nuovo Cinema Paradiso – Stagione teatrale 2021/2022 a Melendugno : il programma

0
249

CITTÀ DI MELENDUGNO – ASSESSORATO ALLA CULTURA

TEATRO PUBBLICO PUGLIESE

Teatro Nuovo Cinema Paradiso

Stagione teatrale 2021/2022

Giobbe Covatta; Paola Barale, Paola Quattrini e Mauro Conte; Vittorio Sgarbi; Radicanto; Massimo Giordano, Carla Guido e Fabrizio Saccomanno; Maria Amelia Monti e Marina Massironi; Tosca D’Aquino, Rocio Morales ed Emy Bergamo.

Sette appuntamenti dal 9 gennaio al 20 aprile compongono la stagione teatrale 2021/2022 del Comune di Melendugno in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese. Una stagione che arriva a riportare la luce sul palcoscenico del Teatro Nuovo Cinema Paradiso con protagonisti di assoluto pregio nel panorama artistico nazionale.

Ad aprire la stagione il 9 gennaio, subito dopo le festività natalizie, ci sarà Giobbe Covatta con il suo “Scoop (Donna Sapiens)” scritto con Paola Catella in cui il comico, attore, scrittore, umorista, commediografo, attivista e politico italiano, con il suo linguaggio irriverente e dissacratorio, vuole dimostrare la superiorità della donna sull’uomo e il proprio amore e rispetto per le donne, a cui dedica in finale un poetico omaggio.

Paola Barale e Paola Quattrini, insieme a Mauro Conte, porteranno il 22 gennaio a Melendugno lo spettacolo scritto e diretto da Luca De Bei “Slot”, una commedia divertente, graffiante, a tratti caustica e tagliente. Tre personaggi che si incrociano e si scontrano, perché ognuno in fondo è la vittima dell’altro e quindi ognuno è anche carnefice.

Subito dopo, il 2 febbraio, toccherà a due donne e attrici straordinarie come Maria Amelia Monti e Marina Massironi portare sul palco “Il marito invisibile” scritto e diretto da Edoardo Erba: un’esilarante commedia sulla scomparsa della nostra vita di relazione in cui le due protagoniste accompagnano con la loro personalissima comicità in un viaggio che dà i brividi per quanto è scottante e attuale.

Il 27 febbraio sarà la volta di un eccellente il tris di donne composto da Tosca D’Aquino, Rocio Morales ed Emy Bergamo in “Fiori d’acciaio” di Robert Harling con la regia di Michela Andreozzi, una commedia agrodolce tra sorrisi e commozione, sentimenti e ironia, qualche volta crudele, senza essere mai cinica o sarcastica.

L’11 marzo seguirà l’appuntamento con i Radicanto “Trapunto di Stelle – omaggio a Domenico Modugno”: un concerto, tratto dall’omonimo disco, che intende contestualizzare l’arte di Domenico Modugno restituendola alla sua terra di provenienza (recupero della stagione 2019/2020).

Il penultimo appuntamento della stagione sarà quello del 26 marzo di e con tre attori salentini Massimo Giordano, Carla Guido e Fabrizio Saccomanno dal titolo “Quegli strani amici di famiglia”. Vincitore del bando 2015 “Colpi di Genio” il cui soggetto era la famiglia, lo spettacolo mette in scena un trio di attori con tre temperamenti diversi ma che raccontano all’unisono scorci interessanti e autentici della nostra realtà e, in fin dei conti, dell’umano in generale (recupero stagione 2019/2020).

A chiudere la stagione il 20 aprile ci penserà Vittorio Sgarbi con quella che, dopo Caravaggio o Michelangelo, si annuncia ancora come una sua magistrale performance dedicata questa volta a “Dante_Giotto” in cui mette al centro la figura di Dante Alighieri in relazione paritetica con il coevo Giotto di Bondone e celebra a suo modo il sommo poeta nella stagione del settimo centenario della sua morte.

Info: www.teatropubblicopugliese.it

LASCIA UN COMMENTO