Teatro Kismet – BARABBA di Antonio Tarantino al Teatro Kismet, regia di Teresa Ludovico

0
136

Teatro Kismet – BARABBA di Antonio Tarantino al Teatro Kismet, regia di Teresa Ludovico

 

STAGIONE BAGLIORI

BARABBA, testamento spirituale di Antonio Tarantino

in scena nel week-end al Teatro Kismet

2 e 3 marzo 2024 – strada San Giorgio martire 22F, Bari

 

Torna al Teatro Kismet di Bari, su quel palcoscenico che nella passata Stagione l’ha visto debuttare, lo spettacolo Barabba, tratto da un testo del compianto Antonio Tarantino. Il vero testamento spirituale del drammaturgo scomparso nel 2020, di cui Teresa Ludovico ha curato la regia, in scena sabato 2 marzo alle ore 21 e domenica 3 marzo alle ore 18 per la Stagione ‘Bagliori’.

A interpretare Barabba – l’altro Cristo – è Michele Schiano Di Cola, che si muove in una torre di ferro, prigione da cui cercare una redenzione, pensata dallo scenografo Vincent LonguemareIl personaggio di Barabba, come si legge nell’introduzione al testo di Tarantino pubblicato nel 2021 da Cue Press, incarna un teatro di emozioni in cui oscillano, come maschere appese a un filo, il nostro bisogno di salvezza, la nostalgia rabbiosa di un fondamento, di un’origine.

Barabba, produzione Teatri di Bari, completa un ciclo che Teresa Ludovico ha dedicato al lavoro del Maestro Tarantino, con la messa in scena dei testi ‘La casa di Ramallah’, di ‘Namur’, ‘Cara Medea’ e ‘Piccola Antigone’. “Nel 1992 ho visto lo spettacolo Stabat Mater di Tarantino interpretato da Piera Degli Esposti – racconta la regista – e sono rimasta folgorata da quel potente flusso di parole fatte di carne. Una scrittura magistrale che mi affascinava e mi intimoriva. Frequentando negli anni il Maestro ho compreso la sua necessità di scorticare le belle parole per trovare la voce, magari rauca, di quella umanità che ha paura dell’altro, che si sente continuamente minacciata e che vive di doppiezza. Le storie di Tarantino si svolgono in interni, in spazi chiusi, ma sono sempre il riflesso del fuori e della Storia. Con leggerezza e ironia riesce a coinvolgere lo spettatore in temi di grande impegno sociale. Barabba forse siamo tutti noi? Imperfetti, ridicoli, mentitori? Schegge impazzite che corrono su e giù alla ricerca di un senso dell’esistenza e della morte”.

Sabato 2 marzo nel foyer è presente lo stand dell’associazione culturale Un panda sulla luna, che gestisce anche una libreria a Terlizzi: uno spazio dove gli spettatori potranno acquistare e ricevere consigli sul prossimo libro da leggere.

Domenica 3 marzo si rinnova l’appuntamento con Lo Spettatore critico: gli artisti incontreranno nel foyer il pubblico.

La Stagione ‘Bagliori’ del Teatro Kismet è realizzata con il sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Puglia e del Comune di Bari.

I biglietti della Stagione serale 2023.24 ‘Bagliori’ partono da un prezzo di 14 euro, disponibili al botteghino del Kismet (strada San Giorgio martire 22F, Bari) e online sul circuito Vivaticket. Il botteghino è attivo dal martedì al venerdì ore 10.30 – 12.30 | 16.30 – 19 e due ore prima dello spettacolo. Previsti anche abbonamenti alla Stagione serale e a combinazioni di spettacoli a prezzi agevolati.

Per informazioni si può chiamare il botteghino del Kismet (strada San Giorgio martire 22F, Bari) al numero 335 805 22 11. La Stagione completa è disponibile sul sito www.teatridibari.it.

 

SCHEDA ARTISTICA

Teatri di Bari

BARABBA

di Antonio Tarantino

regia Teresa Ludovico

con Michele Schiano di Cola

spazio scenico e luci Vincent Longuemare

cura della produzione Sabrina Cocco

assistente alla regia Domenico Indiveri

 

“Antonio Tarantino, come nei suoi drammi d’esordio, torna a dare nuova vita ad un personaggio di ascendenza evangelica. Quasi integralmente in versi, in una lingua impietosa senza più privilegi di rango, dove si mescolano commedia e tragedia, il personaggio di Barabba incarna un teatro di emozioni in cui oscillano, come maschere appese a un filo, il nostro bisogno di salvezza, la nostalgia rabbiosa di un fondamento, di un’origine” dalla presentazione al testo edito da Cue press (2021).

 

Barabba, per la prima volta in scena con la regia di Teresa Ludovico, completa un ciclo da lei dedicato al lavoro del Maestro.

“Nel 1992 ho visto lo spettacolo Stabat Mater di Tarantino interpretato da Piera Degli Esposti – racconta la regista – e sono rimasta folgorata da quel potente flusso di parole fatte di carne. Una scrittura magistrale che mi affascinava e mi intimoriva. Quando, qualche anno fa, Marco Martinelli ci propose uno studio per la messa in scena de La casa di Ramallah, ebbi un tuffo al cuore: ero eccitata dalla proposta e impaurita dalla verbosità della scrittura. Allora ho avvicinato il testo lentamente, cercando di assorbirlo ritmicamente e quando mi sono lasciata andare tutto è stato più semplice. Lo stesso è accaduto poi nella preparazione di Namur, Cara Medea e Piccola Antigone. Questi personaggi, spesso portatori di mitiche ferite, chiedono all’attore di essere incarnati così come si presentano: nudi e crudi, senza nessun giudizio. Frequentando negli anni il Maestro ho compreso la sua necessità di scorticare le belle parole per trovare la voce, magari rauca, di quella umanità che ha paura dell’altro, che si sente continuamente minacciata e che vive di doppiezza. Le storie di Tarantino si svolgono in interni, in spazi chiusi, ma sono sempre il riflesso del fuori e della Storia. Con leggerezza e ironia riesce a coinvolgere lo spettatore in temi di grande impegno sociale. Barabba forse siamo tutti noi? Imperfetti, ridicoli, mentitori? Schegge impazzite che corrono su e giù alla ricerca di un senso dell’esistenza e della morte. Con parole carnali, dense e infuocate, ancora una volta Tarantino evoca una verticalità che nella nostra messa in scena è restituita da una torre gabbia, creata da Vincent Longuemare.”

Redazione

LASCIA UN COMMENTO