Scuola: sit-in Nastrini rossi davanti alla sede della Regione Puglia

0
1166

“Vogliamo continuare a insegnare nella nostra terra e veder rientrare quei docenti pugliesi o siciliani, comunque meridionali, che oggi sono costretti a lavorare lontano”.

A sostenerlo i ‘Nastrini rossi’ pugliesi, docenti stabilizzati dalla ‘Buona scuola’ ed assunti al Nord, che oggi a Bari hanno manifestato davanti la sede del Consiglio regionale della Puglia con una delegazione composta da oltre trenta insegnanti. L’iniziativa prosegue la protesta avviata il 28 dicembre scorso a Catania “in un fronte unito di rivendicazione dei diritti soprattutto – ha spiegato la portavoce del gruppo, Francesca Marsico – delle donne e delle lavoratrici, oltre che delle loro famiglie. Stimiamo in 30 mila i docenti costretti a lasciare le proprie famiglie al Sud per una cattedra al Nord”. “Chiediamo ancora che qualcuno si occupi seriamente della situazione ed anche se in Puglia – ha aggiunto – possiamo ritenerci fortunati, essendo in pochissimi fuori regione, restiamo nel panorama del Sud una sorta di mosca bianca”.

ansa

redazione

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.