Rifiuti nell’area metropolitana di Bari, allarme per 39 Comuni: impianto chiuso nel Barese

0
138
Dal 2 marzo scorso 39 dei 41 comuni dell’area metropolitana di Bari non conferiscono rifiuti indifferenziati a causa della chiusura dell’impianto di biostabilizzazione di Conversano, gestito dalla società Progetto Ambiente Bacino Bari Cinque, perché – secondo la società – ormai saturo a causa dell’avaria del vicino termovalorizzatore.

Nel frattempo, ll presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, ha firmato oggi una ordinanza urgente che dispone la riapertura del sito di Conversano dopo che l’Arpa ha verificato che ci sarebbe ancora capienza ma, al momento, l’impianto resta chiuso.  In queste ore i carabinieri del Noe e il direttore generale dell’Ager, Gianfranco Grandaliano, stanno effettuando un sopralluogo. Allarme dei sindaci che potrebbero trovarsi in grosse difficoltà.

Quasi tutti i Comuni dell’area metropolitana non possono conferire i rifiuti urbani e non in queste ultime 48 ore. Gli impianti di valenza regionale potrebbero sbloccarsi dopo la pubblicata ordinanza del Presidente Emiliano ma, ad ora, la situazione è ancora ferma.
In pratica non possiamo svuotare i cassonetti stradali, né raccogliere la differenziata normalmente nelle aree pubbliche“. E’ quanto riferito si facebook da Michele Abbaticchio, sindaco di Bitonto.

 

Siamo sull’orlo di una emergenza” dice la sindaco di Bitetto, Fiorenza Pascazio, che è anche presidente dell’Ager.

Anche nel Salento ci sono stati problemi per il conferimento a causa della saturazione dell’impianto di Cavallino. In questo caso la Regione, con la stessa ordinanza, ha autorizzato in via eccezionale l’incremento della capacità di stoccaggio.

Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO