Recita dei Vespri e preghiera per la pace sulla tomba di San Nicola

0
206
Foto Vatican Media/LaPresse23-02-2020 Bari - ItaliaCronacaVisita di Papa Francesco a BariNella foto: omaggio alla Tomba di San NicolaDISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE

Trasformiamo in preghiera il nostro desiderio di pace

Ogni mercoledì di Quaresima: 01 – 08 – 15 – 22 – 29 marzo 2023, alle ore 19.30,

recita dei Vespri e preghiera per la pace sulla tomba di San Nicola

Ad un anno di guerra in Ucraina, quale il bilancio?

I dati spaventano: perdite abissali di militari, barbarie e bombardamenti su civili, crimini di guerra, città trasformate a “scheletri” , economia in ginocchio, discorsi apocalittici, minacce nucleari.

Dati che spengono la speranza di una pace imminente, anche perché sui due fronti sembrerebbe non ci sia una vera intenzione di porre fine a questa guerra inutile, quanto infondata: entrambi i fronti si sentono ostaggio. Ostaggio di chi o di cosa? Un dato è certo, e l’ha denunciato apertamente papa Francesco: “La guerra è un sacrilegio, smettiamo di alimentarla!”.

Come fermare questa guerra “fratricida”. Mettere al centro la diplomazia e la cooperazione internazionale, anche se la più auspicabile, si sta presentando una strada ardua da percorre, perché affidata ad una politica, oggi quanto mai debole sull’orizzonte internazionale.

La nostra esperienza di custodi della Basilica Pontificia San Nicola, dove giungono ogni anno migliaia di pellegrini appartenenti alle diverse confessioni cristiane e provenienti da ogni parte del mondo, insegna che vi è una “accoglienza ecumenica” che aiuta a riscoprirsi “fratelli”, liberando dalla tentazione di qualsiasi idea di divisione, lotta, aggressione, violenza, terrorismo, guerra.

È nello spirito di questa “accoglienza ecumenica”, vissuta nel segno di San Nicola, amato e venerato dall’Oriente e dall’Occidente cristiani, che papa Francesco si è incontrato a Bari nel 2018 con i Patriarchi ortodossi e cattolici del Medio Oriente, e nel 2020 con i Vescovi cattolici del Mediterraneo, favorendo il dialogo fra “chiese sorelle” e la “fratellanza umana” tra popoli e nazioni diverse.

“Nemica della pace non è solo la guerra, ma anche l’indifferenza”, insegna papa Francesco. Per non restare “indifferenti” alla guerra, il 21 dicembre 2022 la Chiesa italiana, rappresentata simbolicamente dal presidente CEI, si è ritrovata sulla tomba di San Nicola per trasformare il desiderio di pace in “preghiera, sofferta, per certi versi drammatica invocazione” (Card. M. Zuppi).

I Padri Domenicani, come già lo scorso anno all’indomani dell’inizio della guerra, ogni mercoledì di Quaresima, alle ore 19.30, invitano fedeli e devoti di San Nicola ad unirsi alla celebrazione dei Vespri per implorare il dono della pace.

 

P. Giovanni Distante OP

Rettore Basilica San Nicola

 

redazione

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.