QUESTO È WALLACE – Il sentimento pop di David Foster Wallace al Palazzo Ex Poste Bari

0
260

I


uniba.pngImmagine incorporata 1

Mercoledì 15 dicembre 2021

ore 15.00 @ Centro Polifunzionale Studenti Uniba (Palazzo Ex Poste Bari)QUESTO È WALLACE
Il sentimento pop di David Foster WallaceIntervengono Cristina Consiglio, Carlotta Susca, Pierpaolo Martino e Michele Casella

Questo-e-David- Foster-Wallace-2.jpeg

Mercoledì 15 dicembre l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e il Festival Time Zones presentano l’evento dal titolo “Questo è Wallace – Il sentimento pop di David Foster Wallace“, un seminario che si inserisce nelle attività 2021 di Musicofilia, realizzato in collaborazione con il CUTAMC (Centro Interuniversitario di Ricerca per il Teatro, le Arti Visive, la Musica e il Cinema). L’evento intende lanciare uno sguardo sulla straordinaria figura di David Foster Wallace, il noto scrittore americano icona del postmoderno, a 13 anni dalla sua scomparsa.

L’incontro è rivolto sia a studenti che a coloro che amano la grande letteratura e avrà il contributo di Cristina Consiglio, professoressa associata di Letteratura anglo americana Uniba, di Carlotta Susca, autrice della monografia “David Foster Wallace nella casa stregata”, di Pierpaolo Martino, ricercatore di letteratura inglese Uniba, e del giornalista Michele Casella. Considerato un autore innovativo, geniale e inclassificabile, Wallace è senza dubbio una delle figure cardine della letteratura degli ultimi 50 anni. Il suo notissimo romanzo “Infinite Jest” è stato citato dalla rivista Time come uno dei 100 migliori romanzi in lingua inglese del ‘900, ma il suo contributo alla scrittura contemporanea è attestata da opere fondamentali in forma di romanzi, racconti, articoli, long form journalism, saggi e molto altro. Ossessionato dalla cultura pop e fine osservatore dei movimenti culturali che hanno mutato l’assetto sociale dei nostri anni, l’autore statunitense ha saputo divenire interprete acutissimo della realtà dei nostri giorni, spaziando dalla politica alla musica, dal cinema alla televisione, dal tennis al turismo, dalla dimensione dei grandi eventi a quella del privato più intimista, dai fenomeni popolari a quelli della depressione personale.
Partendo dal saggio scritto da Carlotta Susca – e dalle sue interne correlazione con gli altri maestri della narrazione postmoderna – il seminario del 15 dicembre analizzerà la poetica e la visionarietà dello scrittore americano per comprenderne i tratti salienti e la riconosciuta genialità. Una giornata dedicata a un autore già entrato nella storia della letteratura di tutti i tempi.

Redazione

LASCIA UN COMMENTO