Progetto del nodo ferroviario di Lama San Giorgio: il Tar Puglia lo sospende

0
72

Il progetto della nuova rete ferroviaria nella zona di Lama San Giorgio, a sud di Bari, che prevede il raddoppio dei binari per 10 chilometri e la successiva variante di un tratto di Statale 16 (pera strategica nell’ambito del più ampio progetto del Nodo ferroviario di Bari, finanziato con fondi Cipe) è stato sospeso dal Tar Puglia.   La prossima udienza è prevista per 18 gennaio 2023. Il provvedimento arriva a seguito del  il ricorso  del Comitato «Le Vedette della Lama», un gruppo di cittadini le cui case sono collocate a sei metri dal fascio di binari previsto dal progetto. Assistiti dall’avvocato Giacomo Sgobba – a loro si è affiancato anche il Comune di Noicattaro, rappresentato dall’avvocato Fabrizio Lofoco – hanno fatto ricorso contro Regione Puglia, Città metropolitana di Bari, Soprintendenza, ministeri di Cultura, Infrastrutture e Transizione ecologica e Rfi. Il provvedimento del Tar ha anche sospeso la delibera di Giunta regionale del febbraio scorso per il rinnovo dell’autorizzazione paesaggistica alla «Infrastruttura strategica Nodo di Bari: Bari Sud (tratta Bari Centrale – Bari Torre a Mare)». La Regione è chiamata nell’arco di tre mesi  a rivedere il progetto secondo criteri di impatto ambientale

Antonio carbonara

LASCIA UN COMMENTO