Ospedale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti (BA), Fibrillazione atriale: primo trattamento al mondo di radioablazione con acceleratore lineare truebeam

0
375

 

FIBRILLAZIONE ATRIALE: PRIMO TRATTAMENTO AL MONDO DI RADIOABLAZIONE CON ACCELERATORE LINEARE TRUEBEAM

Per la prima volta al mondo, la fibrillazione atriale è stata trattata in maniera assolutamente non invasiva grazie a una forma avanzata di radiochirurgia. Si tratta della terapia rivoluzionaria di aritmia cardiaca che colpisce circa 10 milioni di cittadini europei e oltre 800.000 italiani. La nuova terapia è stata ideata e utilizzata in un protocollo di studio presso l’Ospedale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti (BA). I dati dei primi 5 pazienti al mondo sono stati pubblicati dalla rivista internazionale “Frontiers in Cardiovascular Medicine” ed hanno suscitato grande interesse al recente Congresso di Radiochirurgia a Los Angeles.

 

Lo studio è denominato “STAR” (Linac-Based STereotactic Arrhythmia Radioablation of Atrial fibrillation) e prevede l’utilizzo dell’acceleratore lineare TrueBeam per eseguire il trattamento di radioablazione nei pazienti anziani affetti da Fibrillazione Atriale. Esso è condotto al Miulli grazie alla stretta collaborazione tra l’Unità Operativa Complessa di Cardiologia (Dott. Massimo Grimaldi, Dott. Antonio Di Monaco) e l’Unità Operativa Complessa di Radioterapia (Dott.ssa Alba Fiorentino, Dott.ssa Fabiana Gregucci e Dott.ssa Ilaria Bonaparte). In questo studio sono arruolati pazienti con età superiore a 70 anni affetti da fibrillazione atriale parossistica sintomatica, per i quali il consueto trattamento antiaritmico sia inefficace o non praticabile per coesistente bradicardia o per preesistenti difetti della conduzione dell’impulso cardiaco.

«Le procedure di ablazione cardiaca nell’anziano sono ad altissimo livello di rischio», spiega il dott. Vitangelo Dattoli, Direttore Sanitario del Miulli, «ma l’esperienza, l’organizzazione e l’eccellenza del nostro Ente hanno consentito di rafforzare la tutela per gli anziani con particolari fragilità. Lo studio STAR ha dunque consentito di posizionare nuovamente il Miulli a livello internazionale con una ricerca scientifica che rappresenta un grande contributo al bisogno di salute di questi pazienti».

 

La fibrillazione atriale è l’aritmia cardiaca più comune e si verifica nell’1-2% della popolazione generale. Questa aritmia è una condizione clinica pericolosa per la vita, perché si associa ad un aumentato rischio di ictus cerebrale e insufficienza cardiaca. La patogenesi della fibrillazione atriale è complessa, ma diversi studi hanno riportato che i focolai nell’area delle vene polmonari svolgono un ruolo critico sia nell’inizio che nel mantenimento di questa aritmia.

Le attuali linee guida europee raccomandano, nei pazienti sintomatici e refrattari alla terapia antiaritmica, l’ablazione transcatetere dei focolai, che determinano l’insorgenza della fibrillazione atriale. Tuttavia, nei pazienti in età avanzata la procedura di ablazione transcatetere è poco utilizzata per il rischio di complicanze (compreso il rischio di mortalità durante la procedura) e pertanto si opta per terapie farmacologiche antiaritmiche spesso non efficaci e/o gravate da effetti collaterali. Talvolta, pazienti non più giovani alternano periodi di ritmo particolarmente lento (bradicardia) a periodi di fibrillazione atriale in cui il ritmo è rapido ed irregolare. In quest’ultimo caso si è spesso obbligati ad impiantare un pace-maker per poter ottimizzare la terapia del paziente.

Negli ultimi anni, diversi dati in letteratura medica hanno mostrato come l’ablazione eseguita mediante radiazioni possa essere un’alternativa meno pericolosa e più efficace per i pazienti affetti da aritmie cardiache ventricolariProprio il Miulli, nel settembre 2019, è stato il primo centro in Italia ad eseguire una radioablazione di aritmie ventricolari (www.miulli.it/allospedale-miulli-il-primo-trattamento-in-italia-di-aritmia-ventricolare-con-radioterapia-stereotassica). Ad oggi nessun dato clinico è stato pubblicato per quanto riguarda la fibrillazione atriale.

La procedura utilizzata nello studio STAR è una forma avanzata di radiochirurgia non-invasiva in singola seduta di trattamento, che permette di colpire il bersaglio con estrema precisione, risparmiando gli organi sani circostanti. Nel nostro protocollo il bersaglio del trattamento è costituito dall’ostio dalle vene polmonari, le stesse aree su cui viene effettuata l’ablazione transcatetere con metodica invasiva. Il bersaglio viene identificato utilizzando una cardio-TC, una Tomografia Computerizzata di simulazione sia a respiro libero che con metodica 4D per analizzare il movimento cardio-respiratorio ed avere una precisione assoluta durante l’erogazione delle radiazioni. Il piano di trattamento viene accuratamente strutturato da personale esperto sulla base di una semplice TAC torace effettuata dal paziente qualche giorno prima della procedura. Quando il piano è pronto, il paziente giunge in ospedale in un setting ambulatoriale ed effettua la radioablazione in soli 3 minuti senza alcun dolore e senza necessità neanche di un accesso venoso periferico.

Attualmente sono stati arruolati 15 pazienti e 10 sono già stati trattati con STAR. Tutti i pazienti soffrivano di frequenti episodi documentati di fibrillazione atriale, spesso più episodi alla settimana. Nei mesi successivi al trattamento i pazienti hanno tutti effettuato controlli ecocardiografici e monitoraggi ECG-Holter della durata di 1 settimana, non manifestando nuovi episodi di fibrillazione atriale ad eccezione di un singolo caso. In questo paziente è stato effettuato il mappaggio elettroanatomico che ha documentato l’efficacia della precedente radioablazione. infatti le vene sono risultate elettricamente silenti e l’aritmia aveva un’origine da altra sede. Si ricorda che anche dopo l’ablazione transcatetere il 30 % circa dei pazienti può riportare recidive aritmiche.

 

I dati dei primi 5 pazienti al mondo trattati con la suddetta metodica sono stati recentemente pubblicati dalla rivista internazionale “Frontiers in Cardiovascular Medicine”, autorevole punto di riferimento per la comunità scientifica mondiale con impact factor di 6.05 (per consultazione: https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fcvm.2022.832446/full). I risultati sono stati presentati al “Radiosurgery Society Scientific Meeting”, il congresso di Radiochirurgia di Los Angeles che coinvolge i maggiori centri e professionisti del mondo (https://rssevents.org). Questa metodica, se validata in studi futuri, potrebbe aprire nuovi scenari nel trattamento della fibrillazione atriale parossistica dei pazienti con età superiore a 70 anni

redazione

LASCIA UN COMMENTO