NICOLA PIGNATARO IN SCENA CON LO SPETTACOLO “SCORZE E MIDDICHE”

0
78

Ieri, l’attore barese Nicola Pignataro, è tornato nella Casa Circondariale di Bari per portare in scena “Scorze e middiche” nell’ambito del “Laboratorio teatrale urbano” realizzato dal Teatro Pubblico Pugliese in collaborazione con la Casa Circondariale di Bari per la stagione teatrale del Comune di Bari. Un’iniziativa che punta a lavorare nelle carceri mettendo al centro l’arte e la cultura per favorire il riscatto personale e avviare percorsi per il reinserimento del detenuto nel mondo esterno.

 

Pignataro ha proposto alcuni dei suoi sketch più famosi, accompagnato da Annalena Cardenio e dal cantante Giuliano Ciliberti che ha eseguito i brani più amati della musica italiana.

 

Nonostante la scarsezza di risorse e gli spazi esigui, la Casa Circondariale di Bari ha fortemente sostenuto l’attuazione del progetto che porta il teatro in carcere, attraverso la visione di spettacoli, un percorso laboratoriale e la partecipazione di alcuni detenuti alla Stagione del Teatro Piccinni con la visione dello spettacolo di Stefano Accorsi Azul, in programma il 12 gennaio.

 

A partire dal 25 gennaio e poi dal primo marzo, per cinque incontri, si terrà anche il Laboratorio Teatrale “Il teatro che ripara. Il teatro che è riparo”, un progetto di formazione e accompagnamento alla pratica e alla visione del teatro a cura di Damiano Nirchio / Associazione Culturale Senza Piume, in collaborazione con Coop. Crisi.

 

Chi scrive per il teatro racconta sempre di una “crisi”, un improvviso e inatteso cambiamento nella vita di un eroe o eroina, una famiglia, una città o un popolo. È qualcosa che si rompe nel filo del destino e prova a trovare una “riparazione”. O semplicemente un “riparo”.

Il progetto propone due percorsi autonomi di avvicinamento ai temi del Teatro ed è rivolto ad un numero di dieci partecipanti per la Media Sicurezza: cinque incontri per gruppo, della durata di due ore, per avvicinarsi e praticare la scrittura per il teatro a partire dai suoi temi portanti e dalla propria storia personale. Si realizzeranno dei brevi testi che i partecipanti condivideranno in una Lettura, di cui saranno anche animatori, rivolta agli altri ospiti della Casa Circondariale, al personale interno e ad ospiti selezionati su invito, previa autorizzazione delle autorità competenti. In questi momenti di condivisione i corsisti potranno aprire un confronto col pubblico che assisterà alle letture dei testi realizzati.

Il 12 gennaio alle 19.30 alcuni detenuti assisteranno, infine, allo spettacolo Azul, scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca, con Stefano Accorsi in programma al Teatro Piccinni nell’ambito della stagione teatrale 2022/2023 del Comune di Bari in collaborazione col Teatro Pubblico Pugliese.

Il progetto si inserisce nell’ambito del più ampio progetto di formazione del pubblico “Laboratorio teatrale urbano”, legato alla stagione teatrale 2022/2023 del Comune di Bari in collaborazione col Teatro Pubblico Pugliese, rivolto agli abitanti dei quartieri Libertà, San Pio e San Paolo e agli ospiti dell’Istituto Penitenziario della città di Bari.

 

Il percorso nasce allo scopo di lanciare prospettive, aprire dimensioni collettive e al contempo innovative, coinvolgendo attivamente gli abitanti di alcune zone periferiche della città con la ferma convinzione che la cultura sia una pratica adatta a tutti, oltre lo stereotipo del teatro borghese ed elitario. In questo percorso ampio si inserisce il progetto realizzato in collaborazione con la Casa Circondariale di Bari.

redazione.

LASCIA UN COMMENTO