“Municipi Sonori di Natale”. La grande festa della cultura si muove con la musica del Petruzzelli

0
216

STAMATTINA LA PRESENTAZIONE DI

“MUNICIPI SONORI DI NATALE. LA GRANDE FESTA DELLA CULTURA SI MUOVE CON LA MUSICA DEL PETRUZZELLI”

PRIMO APPUNTAMENTO IL 3 DICEMBRE NELLA CHIESA DEL SANTISSIMO SALVATORE DI LOSETO

È stato presentato questa mattina, alla presenza del sindaco Antonio Decaro, dell’assessora alle Culture Ines Pierucci, del sovrintendente della Fondazione teatro Petruzzelli Massimo Biscardi e dei presidenti dei cinque Municipi cittadini, “Municipi Sonori di Natale. La grande festa della cultura si muove con la musica del Petruzzelli”.

La rassegna, organizzata dall’assessorato alle Culture in occasione delle imminenti festività natalizie, propone al pubblico sei concerti gratuiti, a cura dell’Orchestra e del Coro della Fondazione Teatro Petruzzelli, in tutti i quartieri della città.

Si comincia venerdì prossimo, 3 dicembre, con il concerto dell’Orchestra del teatro Petruzzelli diretta dal maestro Paolo Lepore nella chiesa del Santissimo Salvatore di Loseto.

“Desidero ringraziare la Fondazione Petruzzelli, i maestri Lepore e Cassi, che dirigeranno l’orchestra e il coro del teatro, e anche i parroci coinvolti, che hanno scelto di aprire le porte delle loro chiese alla grande musica – ha esordito il sindaco Decaro -. Con Municipi sonori di Natale vogliamo replicare l’esperienza positiva della scorsa estate, quando una serie di spazi aperti della città sono stati palcoscenico della grande musica, consentendo a migliaia di persone di ritrovarsi insieme per condividere il piacere della bellezza. Proseguiamo perciò nella stessa direzione anche nel mese di dicembre, portando l’arte e la cultura in tutti i quartieri e accompagnando idealmente gli artisti del Petruzzelli nel loro viaggio per incontrare nuovo pubblico.

Quanto alla vicenda giudiziaria del Petruzzelli, nei prossimi giorni incontreremo la famiglia per cercare una soluzione che consenta il prosieguo delle attività della fondazione. Come ho avuto modo di dire più volte nei giorni scorsi, in questi anni non abbiamo ricostruito solo un teatro, ma anche una comunità culturale che si riconosce in quel teatro e nella sua programmazione, ormai diventata un punto di riferimento imprescindibile”.

“Municipi sonori nasce l’estate scorsa da un lato per rispettare le indicazioni ministeriali in materia di sicurezza sanitaria, con la scelta di luoghi all’aperto ma contingentati nelle presenze, dall’altro per raggiungere un pubblico potenziale che difficilmente raggiunge il Petruzzelli e che invece, in questo modo, viene “raggiunto” dall’orchestra e dal coro del nostro teatro – ha proseguito Ines Pierucci -. Il grande successo dell’iniziativa ci ha spinto perciò a riproporla sia per realizzare un’altra azione culturale in decentramento, obiettivo insieme politico e amministrativo, sia per tornare a confrontarci con i presidenti dei cinque Municipi, che ringrazio per lo spirito di collaborazione fattivo che ci ha consentito di individuare le chiese che accoglieranno i concerti.

Municipi sonori è un progetto corale che nasce da una forte sinergia istituzionale ed è rivolto a tutta la comunità. Ringrazio il sovrintendente e gli artisti della fondazione, che nonostante la stagione avviata, hanno scelto di prestare il loro talento a questi nuovi appuntamenti”.

“Con Municipi sonori, grazie all’impegno dell’assessorato alle Culture, il legame della fondazione Petruzzelli con la città si è ulteriormente rafforzato, portando la musica classica in giro per i quartieri cittadini – ha sottolineato Massimo Biscardi -. Questa seconda edizione, pensata insieme in occasione del Natale, ha per noi un significato importante: trasmettere al pubblico speranza e fiducia in un futuro migliore, in cui l’arte musicale abbia un ruolo importante e formativo. L’Orchestra e il Coro del teatro, diretti dai maestri Paolo Lepore e Fabrizio Cassi, condurranno i nostri organici nelle chiese della città di Bari: una bellissima occasione per offrire programmi musicali di qualità al pubblico di questi preziosi luoghi sacri, un dono per le famiglie, ma anche per i nostri artisti. Il programma che abbiamo scelto, non a caso, rispecchia le tradizioni musicali del Natale di diversi Paesi del mondo.

Colgo questa occasione per annunciare che la fondazione ha scelto di mettere a disposizione di ciascun Municipio 50 abbonamenti per la stagione in corso al 50% del prezzo, per accompagnare nuove famiglie alla scoperta della musica”.

“L’esperienza vissuta l’estate scorsa con gi appuntamenti di Municipi sonori è stata decisamente positiva – ha evidenziato Grazia Albergo, presidente del Municipio IV – e molto apprezzata dai residenti. Siamo particolarmente contenti perché è stata mantenuta la promessa nata proprio dopo i concerti estivi. Quando la comunità si incontra grazie alle attività culturali e al linguaggio musicale, si tratta senza dubbio di un valore aggiunto per tutta la città. Per questo ringrazio l’amministrazione comunale e la fondazione Petruzzelli per questa straordinaria opportunità”.

“Grazie all’amministrazione comunale, a Ines Pierucci per il suo impegno in sinergia con noi presidenti e con le strutture amministrative dei Municipi, grazie al sovrintendente Biscardi e alla fondazione, che lavora intensamente per promuovere cultura e conoscenza – ha dichiarato Vincenzo Brandi, presidente del Municipio V -. Avvicinare i cittadini alla cultura significa farli crescere, e avvicinarli al mondo del Petruzzelli è una delle strade perché questo accada: con Municipi sonori sono addirittura l’orchestra e il coro del teatro a raggiungere i singoli territori della città per incontrare nuovo pubblico. Quanto all’annuncio del sovrintendente, si tratta dell’opportunità di offrire a 50 persone l’esperienza straordinaria della stagione in corso: un’iniziativa che si rivela perfettamente in linea con la nostra scelta di destinare due borse di studio a studenti del Conservatorio provenienti da contesti familiari fragili. Sostenere la formazione culturale e la fruizione artistica è fondamentale per il benessere dell’intera comunità”.

“Ringrazio tutti e, in particolare, l’assessora Pierucci che sta dimostrando grande sensibilità rispetto al tema del decentramento, dei Municipi e dei singoli territori che rappresentano – ha detto Gianlucio Smaldone, presidente del Municipio II -. Abbiamo individuato la data di Santo Stefano per portare questo evento musicale nel santuario di Santa Fara, perché pensiamo sia molto importante valorizzare l’attività delle parrocchie che hanno svolto un ruolo fondamentale soprattutto durante l’emergenza sanitaria. Per noi si tratta di una collaborazione molto importante, che si concretizza anche attraverso eventi culturali come questo”.

“Dopo la bellissima esperienza estiva anch’io, come i miei colleghi, sono felice per questa iniziativa, di cui ringrazio l’amministrazione comunale e la fondazione Petruzzelli – ha proseguito Nicola Schingaro, presidente del Municipio III -. Questa grande operazione di decentramento culturale, in sintonia con uno dei miei obiettivi di mandato, e cioè quello di portare la cultura nelle periferie, ci offre un’ulteriore occasione per vivere la cultura, che di fatto è una forma per affrontare il mondo e per riflettere su noi stessi. Abbiamo scelto il territorio del San Paolo per due motivi, uno pratico e l’altro simbolico: la chiesa San Paolo è quella più ampia nel nostro Municipio e il quartiere, per la storia che porta con sé sin dagli anni Sessanta, è da sempre riconosciuto come periferia per eccellenza della città di Bari”.

“Voglio ringraziare anch’io l’amministrazione e la fondazione Petruzzelli perché ci stanno dando la possibilità di poter gestire la cultura in forma decentrata – ha concluso Lorenzo Leonetti, presidente del Municipio I -. Quanto alla scelta delle due location, dopo aver valorizzato quest’estate il Libertà, che è il quartiere più a nord del territorio municipale, per questa nuova edizione della rassegna ci siamo concentrati sulla parrocchia più a sud del Municipio, quella di San Nicola a Torre a Mare. Abbiamo aggiunto anche la parrocchia di San Francesco di Japigia per salutare l’arrivo del nuovo parroco e per festeggiare l’imminente apertura del nuovo mercato coperto, due eventi che segnano un cambiamento nella vita dei residenti”.

Di seguito il calednario di “Municipi sonori di Natale”:

Orchestra del teatro Petruzzelli

·        3 dicembre, alle ore 20.30: chiesa del Santissimo Salvatore, a Loseto

·        4 dicembre, alle ore 20.30: chiesa di San Pio, a San Pio

Coro del teatro Petruzzelli

·        26 dicembre, alle ore 20.30: chiesa di Santa Fara, a Poggiofranco

·        27 dicembre, alle ore 20.30: chiesa di San Paolo, a San Paolo

·        28 dicembre, alle ore 20.30: chiesa di San Nicola, a Torre a Mare

·        29 dicembre, alle ore 20.30: chiesa di San Francesco, a Japigia.

Il programma dei concerti:

Orchestra

Georges Bizet, Ouverture dall’opera “Carmen”

Gioachino Rossini, Sinfonia dall’opera “L’italiana in Algeri”

Giuseppe Verdi, Sinfonia dall’opera “Nabucco”

Pëtr Il’ič Čajkovskij, Dalla Suite dal balletto “Il lago dei cigni”, n. 1/2/3

Johannes Brahms, Danze ungheresi, n. 5 e n. 6 (orch. M. Schmeling)

Gioachino Rossini, Finale dall’Ouverture dell’opera “Guglielmo Tell”

Gerónimo Giménez, Intermezzo dall’operetta “La boda de Luìs Alonso”

Johann Strauss Sr., Radetzky Marsch, in Re maggiore

Coro

Giuseppe Verdi, «Gli arredi festivi» dall’opera “Nabucco”

Giuseppe Verdi, «O Signore, dal tetto natìo» dall’opera “I lombardi alla prima crociata”

Renato Brogi, «Ave Maris stella» dall’opera “L’oblio”

Giuseppe Verdi, «Va’, pensiero» dall’opera “Nabucco”

Daniel Elder, Three nocturnes, n. 1 «Ballade to the moon», n. 2 «Lullaby», n. 3 «Star sonnet»

Johann Sebastian Bach, «Jesu Bleibet» dalla cantata “Herz un Mund und Tat und Leben”, BWV 147

Deck the Halls, canto tradizionale gallese (arr. A. Paltrowitz)

Nobody knows the trouble I’ve seen, spiritual tradizionale (arr. R. Mammel)

Les anges dans nos campagnes, canto tradizionale francese del XVIII sec. (arr. F. A. Gevaert)

Hark! The herald Angels sing, canto natalizio tradizionale inglese da una poesia di C. Wesley, su melodia di F. Mendelssohn-Bartholdy (arr. W. H. Cummings)

Irving Berlin, White Christmas

Gli appuntamenti di Municipi sonori di Natale, tutti gratuiti, saranno a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili, nel rispetto delle prescrizioni anticovid.

LASCIA UN COMMENTO