“Mediterranea al Petruzzelli di Bari”: rassegna Danza per la Camerata Musicale Barese – inizio straordinario in attesa di risposte dalle istituzioni

0
827

Gran Gala d’Inaugurazione  ieri sera al Petruzzelli di Bari ( 1 novembre 2018) con uno spettacolo in esclusiva per la rassegna “TeatroDanza Mediterraneo” della Camerata Musicale Barese.

In scena “Mediterranea”, con la partecipazione straordinaria, nella prima parte dello spettacolo, di Silvia Azzoni e Alexander Ryabko, dell’Hamburg Ballet, e di Sergio Bernal, del Ballet Nacional de Espana. Un progetto che può definirsi  una circumnavigazione del Mediterraneo, attraverso le musiche delle culture che vi si affacciano. Sul palco il Corpo di Ballo di Daniele Cipriani Entertainment, costumi di Roberto Tirelli, luci di Carlo Cerri.

Mediterranea nasce nel 1993 per il balletto di Toscana, ripreso nel 2008 dalla compagnia del Teatro alla Scala di Milano, ha fatto il giro del mondo riscuotendo sempre consenso e successo. La versione di quest’anno prevede una lunga tournée in varie città italiane, a testimonianza della volontà di Daniele Cipriani di recuperare il repertorio italiano della seconda metà del secolo scorso. Coreografia complessa e di grande effetto, magistralmente a cura di Mauro Bigonzetti,  eseguita dai ballerini in scena su musiche tradizionali mediterranee sapientemente miscelate con la tradizione cosiddetta colta, da Mozart, Ligeti e Palestrina.

Lo spettacolo mette in evidenza la parte migliore dei paesi del bacino del Mediterraneo, l’accoglienza, il rispetto delle diversità, l’armonia delle differenze. I due protagonisti maschili, l’uomo di Terra e l’uomo di Mare, uno alter ego dell’altro, si scontrano e si incontrano, nella perfetta simbiosi degli opposti che richiama il frangersi delle onde sulla costa.

Mediterranea può essere definito un inno alla comunione e alle differenze tra culture che si sono confrontate nei secoli, a testimonianza che non è più il tempo per innalzare barriere. L’arte può ancora avere “parola” in forza della sua straordinaria capacità comunicativa. L’impatto emotivo con la scena è stato forte, corpi in movimento che hanno messo in risalto la forza giovanile e la bellezza, l’energia e la velocità. Meraviglia e stupore sono state le sensazioni più immediate tra i presenti che hanno applaudito a lungo gli artisti che hanno offerto anche un bis del finale .

La danza sarà ancora protagonista nel calendario degli appuntamenti della Camerata Musicale Barese. Il 13 dicembre con Giselle presentato dal Classical Russian Ballet, per la prima volta a Bari. Il 6 aprile torna in scena Giulietta e Romeo, una delle produzioni di maggiori successo della Compagnia del Balletto di Roma. Il 1 giugno 2019 tornerà a Bari l’étoile Eleonora Abbagnato.

Il teatro Petruzzelli sembra essere il contenitore culturale perfetto per gli spettacoli di danza, di questo è fermamente convinta la Camerata Musicale Barese che, in una nota, auspica risposte concrete da parte dell’ istituzioni per stipulare una convenzione duratura con il teatro che, al momento, ha dato la disponibilità per solo due date.

Maria Cristina Consiglio

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.