Maxi sequestro di droga nel leccese, fermato un gommone con 400 Kg di droga e arrestati due scafisti

0
445

La Guardia di Finanza ha concluso, al largo delle coste salentine, un’altra importante operazione che ha permesso di sequestrare un ingente quantitativo di sostanza stupefacente.

 

L’attività è stata condotta con il supporto dei mezzi aeronavali impegnati nell’operazione “THEMIS 2019”, promossa dall’European Border and Coast Guard Agency (FRONTEX), coordinata a livello locale dal Local Coordination Center istituito presso il Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto.

In particolare, durante l’ordinaria attività di pattugliamento marittimo, le unità navali del Reparto Operativo Aeronavale di Bari, individuavano, al largo di San Cataldo (LE) un gommone con un carico sospetto che dirigeva verso le coste italiane.

Il natante, sottoposto all’alt, cercava di sottrarsi alla cattura, ma le unità navali delle Sezioni Operative Navali di Gallipoli e Otranto lo raggiungevano e lo fermavano.

A bordo dell’imbarcazione i militari rinvenivano 14 colli di sostanza stupefacente del tipo marijuana e hashish dal peso complessivo di circa 400 kg che al mercato clandestino avrebbe fruttato circa 4 milioni di euro.

Il mezzo utilizzato per l’illecito traffico, un gommone lungo 6 metri circa veniva condotto nel porto di Otranto (LE) e sottoposto a sequestro, mentre i due scafisti, di nazionalità albanese, venivano arrestati per detenzione e traffico internazionale di sostanze stupefacenti e posti a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

L’operazione aeronavale della scorsa notte, conferma l’efficacia del dispositivo di presidio marittimo messo in atto dalla Guardia di Finanza quale “polizia del mare”, a contrasto dei traffici illeciti rivolti verso i confini nazionali e dell’Unione Europea.

La perfetta sinergia tra la componente aeronavale del Corpo, gli assetti Frontex, i Reparti territoriali delle Fiamme Gialle, nonché la stabile e consolidata collaborazione con le Autorità di Polizia albanesi, per il tramite del Nucleo di Frontiera Marittima della Guardia di Finanza di stanza a Durazzo, sta consentendo, grazie anche ai proficui rapporti di collaborazione con le varie Procure della Repubblica, di contrastare efficacemente i sodalizi criminali che gestiscono il traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

 

LASCIA UN COMMENTO