La variante Dc” il libro di Gianfranco Rotondi”: presentazione nella sede della Fondazione Tatarella

0
353

“La variante Dc” il libro di Gianfranco Rotondi

Venerdì 18 marzo alle ore 18.00 alla Biblioteca della Fondazione Tatarella con Sisto e Fitto

La Fondazione Tatarella, nell’ambito della rassegna “Incontri d’Autore” ospita Gianfranco Rotondi, venerdì 18 marzo alle ore 18.00, Biblioteca della Fondazione Tatarella, Bari, Via Piccinni n.97, che presenterà il suo “La Variante Dc. Storia di un partito che non c’è più e di uno che non c’è ancora (Solferino editore).
Con Rotondi interverranno Fabrizio Tatarella, Vicepresidente ella Fondazione Tatarella, il parlamentare europeo di Fratelli d’Italia e Co-Presidente del gruppo ECR in Europa, Raffaele Fitto, il parlamentare di Forza Italia e sottosegretario alla Giustizia Francesco Paolo Sisto, moderati dal giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Michele De Feudis.
Che fine ha fatto la Dc? È davvero scomparsa, superata dagli eventi politici e da nuovi protagonisti, archiviata con la crisi dei partiti tradizionali? Gianfranco Rotondi, che ha iniziato la sua carriera politica nella Democrazia cristiana, ne ricostruisce la storia in queste pagine concentrandosi sulla parabola discendente della «Balena bianca» ma anche sulle sue molteplici mutazioni e resurrezioni susseguitesi in trent’anni di vita politica. Ne emerge un racconto appassionato e sinceramente di parte. La testimonianza di un protagonista che ha vissuto la dissoluzione del partito e la racconta senza peli sulla lingua e con una prospettiva privilegiata sulla storia politica italiana nazionale. Si va dalla morte ufficiale della Dc alla seconda vita dei democristiani fuori dal partito dello scudo crociato, dal centrosinistra al centro-destra, dal Patto Segni al Partito popolare, da Martinazzoli a Buttiglione, dall’Ulivo al Ccd, da Forza Italia alla Balena verde e oltre. Per scoprire che forse la Dc non è mai finita e i suoi eredi non sono solo i nostalgici.

Il numero dei posti è limitato, è necessario esibire il Green Pass

Redazione

LASCIA UN COMMENTO