La Feltrinelli (Bari): Presentazione del libro “Morte Nel Bosco e altre storie americane” del maestro statunitense SHERWOOD ANDERSON

0
61

 

VENERDÌ 27 MAGGIO

ore 18.00 @ La Feltrinelli (Bari)

Presentazione del libro

“Morte Nel Bosco e altre storie americane”

del maestro statunitense
SHERWOOD ANDERSON

Arriva in libreria la prima traduzione italiana integrale di Death in the Woods and Other Stories, di Sherwood Anderson, per DOTS edizioni.

Intervengono alla Libreria Feltrinelli il traduttore Flavio Zaurino e il giornalista Michele Casella.


«Sherwood Anderson è stato il padre di tutti i miei libri.»
– William Faulkner

 

Verrà presentato venerdì 27 maggio, alle ore 18.00 alla libreria Feltrinelli di Bari, il libro “Morte nel bosco e altre storie americane” di Sherwood Anderson, pubblicato da DOTS edizioni. L’incontro vedrà la presenza del traduttore Flavio Zaurino e del giornalista Michele Casella, che introdurranno i lettori a questo volume di particolare interesse. Si tratta infatti della prima traduzione italiana completa di Death in the Woods and Other Stories, opera imprescindibile per gli amanti di Anderson e un ottimo punto di partenza per conoscere uno dei maestri della short story statunitense, osannato da personaggi come Bruce Spingsteen, Philip Roth, Nick Cave e Cesare Pavese.

Mosaico eterogeneo, distante dall’ordinato disegno su cui si fonda Winesburg, Ohio, questa raccolta è tenuta insieme da una rete di corrispondenze tematiche e formali sottili e tuttavia perspicue, oltreché dal timbro inconfondibile del narratore.

E la voce di Sherwood Anderson possiede senz’altro un timbro unico: gli ammiccamenti sempre garbati, l’ironia sottile e a tratti sofisticata, l’umana compassione che permeano lo sguardo dell’autore fanno di Morte nel bosco e altre storie americane l’ultima e, probabilmente per questo, la più completa delle sue raccolte di racconti.

Una vecchia si addentra in un bosco innevato e va incontro al destino che la attendeva sin dalla nascita. Un eccezionale uomo qualunque torna nella sua città natale e fa i conti con sé stesso e con i fantasmi di una vita. Un poeta ubriacone si rifugia a New Orleans per sfuggire, anche solo per un istante, dalla nera casa del dolore. Un fratello e una sorella giocano sullo sfondo del rigoglioso paesaggio rurale americano senza curarsi delle ombre che si allungano minacciose verso di loro.

Sono solo alcuni dei frammenti che compongono Morte nel bosco e altre storie americane, l’ultima raccolta di racconti di Sherwood Anderson, pubblicata per la prima volta nel 1933 e finalmente tradotta in italiano per DOTS edizioni. Sotto lo sguardo penetrante eppure compassionevole dell’autore, si dispiegano storie minime e straordinarie, storie di uomini e donne che, nella precarietà delle proprie esistenze, ammettono la frammentarietà dei loro racconti, fatti di ricordi, visioni ad occhi aperti, silenzi, vaghe allusioni e promesse irrealizzabili. Ad accomunare le sedici storie, il timbro inconfondibile di Anderson — il padre di tutti gli scrittori americani, secondo William Faulkner — la cui voce si avverte nel tono di sommessa ironia che guida il lettore, invitandolo a mostrarsi indulgente verso vizi e virtù dell’essere umano.

«Sherwood Anderson, John Cheever e Flannery O’Connor hanno cambiato la mia musica.»
• Bruce Springsteen •


«Quando iniziai a leggere, a 16 anni, ero bramoso di conoscere il resto dell’America. Visto che ero un ragazzino del New Jersey e ignoravo come si viveva nel Mid West, comprai i libri di Sherwood Anderson, Theodore Dreiser e Sinclair Lewis.»
• Philip Roth •

 

«Scrittore grandissimo, Sherwood Anderson scoperse un’America e un modo d’essere, di fantasticare, di scrivere, a cui tutti i grandi narratori venuti con lui e dopo di lui devono qualcosa.»

  • Cesare Pavese

«Mi sedetti lì, con una matita e un blocco di carta, e cercai di scrivere, fino a che sentii di non poter più continuare perché le parole non mi sarebbero venute come sarebbero venute a Sherwood Anderson, ma solamente come gocce di sangue dal mio cuore.»

  • John Fante•

«Sherwood Anderson, Sylvia Plath, Philip Larkin, William Blake… non mi stanco mai di stare in compagnia di questi poeti.»

  • Nick Cave•

«Quando leggo Hemingway o Sherwood Anderson, poi mi ritrovo sempre a scrivere come loro.»

  • Saul Bellow•
  • • •

SHERWOOD ANDERSON

MORTE NEL BOSCO

e altre storie americane

TRADUZIONE DI

FLAVIO ZAURINO E DOMENICO LONIGRO

Pagine: 236 • Prezzo: 16 euro • Dimensioni: 12,5 x 20 cm

L’AUTORE

Sherwood Anderson (1876-1941), autore di romanzi, raccolte di racconti e poesie, è considerato un maestro della narrativa breve statunitense; guadagnò l’ammirazione di alcuni tra i suoi più illustri contemporanei, come Gertrude Stein e Francis Scott Fitzgerald, e una generazione di giovani scrittori vide in lui un modello e una guida.

 

I TRADUTTORI

Flavio Zaurino (1986). Dottore di ricerca in “Letterature Lingue e Filologie moderne”, ha insegnato Letteratura Inglese presso l’Università degli Studi della Basilicata e si occupa di traduzione letteraria.

 

Domenico Lonigro (1991). Dottore di ricerca in Letteratura Inglese, laureato in Letteratura Angloamericana e in Letteratura Inglese Moderna e Contemporanea, si occupa di editing e traduzione letteraria.

——————————————————

www.dotsedizioni.it

www.facebook.com/DOTSedizioni

LASCIA UN COMMENTO