I risultati ottenuti dai ristoratori a seguito del SOS lanciato

0
109

I risultati ottenuti dai ristoratori a seguito del SOS lanciato

A seguito dell’incontro “SOS Ristoratori”, svoltosi martedì 22 febbraio all’Anchecinema di Bari, l’Unione Ristoratori Puglia sigla che riunisce in tutta la Puglia, associazioni e imprese, è riuscita a ottenere l’apertura di un dialogo tra chi vive quotidianamente la drammaticità della crisi e le autorità regionali.

In questo lungo percorso di due anni – hanno spiegato gli organizzatori – ci siamo resi conto che potevamo fare delle proposte per cercare di trovare delle soluzioni alle varie criticità che in questi anni si sono manifestate. Siamo stati soddisfatti delle attenzioni ricevute”.

Durante il pomeriggio di confronto si sono alternati i rappresentanti dell’Unione Ristoratori, Salvatore Turturro presidente Unione Cuochi e autorità comunali e regioni: l’assessore allo Sviluppo economico del Comune di Bari Carla Palone, l’assessore Sviluppo economico della Regione Puglia Alessandro Delli Noci, l’assessore al Turismo della regione Puglia Gianfranco Lopane e il Capo di Gabinetto del Presidente della regione Puglia Domenico De Santis. Sostegni, Formazione e Rilancio sono stati gli ambiti analizzati attraverso slide, video e report. In collegamento remoto, a metà del dibattito verso le 18.30, è intervenuto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

È stato un bel momento di confronto al quale sia la Regione che il Comune di Bari hanno inviato assessori sensibili agli argomenti trattati. Ci è dispiaciuto non avere nessun esponente del Governo nonostante i ripetuti inviti. Al contrario siamo stati molto felici delle risposte dateci da De Santis nell’ambito della formazione e della sua volontà di comprendere insieme a noi la gestione dei fondi Por / Fesr per il semestre 2021-2026”.

In tale ambito l’Unione Ristoratori ha ottenuto un primo risultato, ovvero la richieste da parte della Regione di proposte formali per la riqualificazione dei corsi di formazione professionale, con appuntamento fissato tra due o al massimo tre settimane. Una seconda conquista è stata la proroga di sei mesi dell’inizio delle rate del “Microprestito” e del “Titolo II Covid”.

C’è stata data legittimità e siamo contenti di questo, soprattutto a seguito del grande impegno profuso nell’organizzazione di questo appuntamento per il quale ci siamo autotassati e tolto tempo alle nostre attività. Ma riteniamo di aver fatto qualcosa di positivo per la collettività. Ora abbiamo un appuntamento e nel frattempo lavoreremo sulla realizzazione di un testo, da porre all’attenzione dei nostri interlocutori, che racchiuda le proposte da noi formulate”.

 

Unione Ristoratori: https://www.facebook.com/Unione-Ristoratori-106406325315241

 

SOS Ristoratori: https://fb.watch/bnvY04hOQa/

LASCIA UN COMMENTO