GROTTE DI CASTELLANA, TORNA “UNA NOTTE CON SIRIO”

0
79

9 serate da luglio a settembre all’Osservatorio Astronomico per imparare a conoscere il cielo

GROTTE DI CASTELLANA, TORNA “UNA NOTTE CON SIRIO”

Osservare il cielo e imparare a conoscerlo, un’esperienza emozionante per adulti e bambini presso la terrazza panoramica del Museo Speleologico “Franco Anelli”. Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con “Una notte con Sirio”, iniziativa di ACAS (Associazione Culturale Astronomica Sirio), responsabile dell’Osservatorio Astronomico sito alle Grotte di Castellana (Ba), che propone un ricco calendario alla scoperta dell’astronomia e dei corpi celesti.

Nove le serate di osservazione previste in calendario: 16, 21 e 26 luglio dalle ore 21:00 alle 23:30; 10, 12, 19, 24, 31 agosto in primo turno dalle 20:30 alle 22:30, e in secondo turno dalle 22:30 alle 00:30; 2 settembre in primo turno dalle 20:30 alle 22:30 e in secondo turno dalle 22:30 alle 00:30.

Per le osservazioni saranno utilizzati il telescopio Schmidt-Cassegrain 254/2500 automatico, il telescopio Dobson 250/1200 automatico, reticolo di diffrazione per la visione spettri stellari e filtro antinquinamento. Mentre il programma delle serate, oltre all’osservazione guidata del cielo stellato e l’osservazione al telescopio di stelle, ammassi, galassie, luna e pianeti, prevedrà anche la mostra di minerali e meteoriti e un momento di introduzione all’astronomia.

Tutti gli appuntamenti saranno introdotti da un briefing presso l’ingresso del Museo Speleologico Franco Anelli 15 minuti prima dell’orario di inizio. È necessaria la prenotazione telefonando ai numeri 0804998221 (centralino grotte), 3772716019 o 3776794162 (responsabili Associazione Culturale Astronomica Sirio – anche WhatsApp). Costo di partecipazione: 7€ adulti, 4€ bambini dai 7 ai 12 anni, gratuito per i bambini fino ai 6 anni. L’osservazione sarà possibile solo in condizioni meteo favorevoli, la conferma sarà data 2 ore prima tramite messaggio WhatsApp o mail. Maggiori informazioni sull’Osservatorio Sirio sono sul sito www.osservatorioastronomicosirio.it.

Redazione

LASCIA UN COMMENTO