Giuliana De Sio e Alessandro Haber in Puglia con “LA SIGNORA DEL MARTEDÌ”

0
358

Giuliana De Sio e Alessandro Haber in Puglia con

“LA SIGNORA DEL MARTEDÌ”

 

17 marzo – Teatro Lembo – Canosa di Puglia.

Alle 18.15 incontro della compagnia con gli studenti per “Premia la Cultura”.
18 e 19 marzo – Teatro Giordano – Foggia

20 marzo – Teatro Rossini – Gioia del Colle

21 marzo – Teatro Comunale – Putignano

 

Dal 17 al 21 marzo Giuliana De Sio e Alessandro Haber saranno in scena in Puglia con “La signora del martedì”, un’opera di Massimo Carlotto per la regia di Pierpaolo Sepe e con Paolo Sassanelli, Riccardo Festa e Paolo Persi. Lo spettacolo si inserisce nelle stagioni teatrali organizzate dai Comuni di Canosa di Puglia, Foggia, Gioia del Colle e Putignano in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.

 

Si parte il 17 marzo dal Teatro Lembo di Canosa di Puglia (sipario ore 21.00). A Canosa sempre il 17 marzo, alle ore 18.15 al Teatro Lembo, per il progetto “Premia la cultura”, iniziativa promossa dal Comune di Canosa, la compagnia dello spettacolo incontrerà gli studenti dell’IISS “Leontine e Giuseppe De Nittis”.

Lo spettacolo invece si sposterài il 18 e 19 marzo al Teatro Giordano di Foggia (sipario rispettivamente alle 21.00 e alle 18.00), proseguendo il sup tour il 20 marzo al Teatro Rossini di Gioia del Colle (sipario ore 21.00) e, infine, il 21 marzo al Teatro Comunale di Putignano (sipario ore 21.00).

 

Una donna, Alfonsina Malacrida, detta Nanà, da nove anni, ogni martedì, tra le quindici e le sedici, va a comprarsi un’ora d’amore. Nove anni fatti di un martedì dietro l’altro: la signora arriva, saluta, mette il denaro sul comodino, si spoglia, piega ordinatamente i vestiti e s’infila a letto dopo aver verificato la pulizia delle lenzuola.

 

Lui, Bonamente Fanzago, attore porno al tramonto, che nei periodi di magra aveva fatto anche il gigolò, è rimasto con quest’unica cliente: la signora del martedì. Solo che verso il quarto anno di incontri, l’attore si era innamorato della donna mentre all’inizio del settimo era così travolto dai sentimenti che aveva commesso l’errore di dichiararsi.

 

Ma Nanà, forse sorridendo dentro di sé, aveva risposto con decisa fermezza: “Io non potrò mai essere tua. Sono solo un’affezionata cliente che ti paga per fare sesso”.

 

Info: www.teatropubblicopugliese.it

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.