‘Fuori formato’. Margini e possibilità laboratorio di tecniche e linguaggi della sperimentazione teatrale

0
64

Da martedì 3 maggio: ‘Fuori formato’. Margini e possibilità laboratorio di tecniche e linguaggi della

‘Fuori formato’. Margini e possibilità

laboratorio di tecniche e linguaggi della sperimentazione teatrale

Un ciclo di seminari per l’acquisizione delle competenze trasversali organizzato dal

Dipartimento Di Ricerca e Innovazione Umanistica (DIRIUM) dell’Università degli Studi di Bari

 

Da martedì 3 maggio a giovedì 30 giugno è in programma ‘Fuori formato’. Margini e possibilità laboratorio di tecniche e linguaggi della sperimentazione teatrale, un ciclo di seminari per l’acquisizione delle competenze trasversali organizzato dal Dipartimento Di Ricerca e Innovazione Umanistica (DIRIUM) dell’Università degli Studi di Bari.

Il laboratorio, attraverso pratiche interattive e lezioni tenute da docenti ricercatori di discipline teatrali, letterarie, filosofiche, giuridiche, psico-pedagogiche e da registi e attori di riconosciuta esperienza nel panorama nazionale e internazionale, intende fornire gli strumenti teorici fondanti della teatralità (storia del teatro attraverso suoi potenti archetipi, drammaturgia, recitazione, regia, audience development) ed è la proposta di un percorso formativo sperimentale rivolto a quanti vogliano acquisire competenze nell’ambito della progettazione di aspetti performativi, organizzativi e artistico-professionali legati alle discipline teatrali, anche in relazione e in collaborazione con contesti sociali ‘marginali’ (attori detenuti o con disturbi o problemi di diversa natura ed entità). Il coinvolgimento di realtà e compagini differenti (Università e teatro, centro e periferia, dentro e fuori, detenuti e/o pazienti psichiatrici-attori e attori professionisti) favorisce gli sconfinamenti e la feconda interazione creativa di diversi linguaggi artistici e costituisce una sfida all’isolamento per superare lo stigma della marginalità e sostenere il pieno riconoscimento del diritto allo studio e alla socialità di soggettività ‘altre’.

Il ciclo di seminari è un approfondimento dedicato a studenti, per i quali è prevista l’acquisizione di CFU, a studiosi, operatori e curiosi del settore.

Per info e iscrizioni: https://www.uniba.it/didattica/competenze-trasversali/note-operative-per-l2019iscrizione

Pietro Berardi pietro.berardi@uniba.it

Giulia De Nichilo g.denichilo3@studenti.uniba.it

 

IL PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ

3 MAGGIO

ore 17.00-17.15

online su Teams

Prologo di Piero Totaro (Università di Bari)

ore 17.15-19.00

online su Teams

Eroi DEI margini. La città dei miti, un sogno poetico metropolitano

a cura di Gianpiero Borgia (regista, Teatro dei Borgia)

con Francesca Zitoli (Assessore alle Culture del Comune di Trani)

9 E 16 MAGGIO

6 E 10 GIUGNO

ore 16.00-19.00

online su Teams

Pratiche di teatro carcere

L’esperienza della Sala Prove, Istituto Penale per i Minorenni “Fornelli” di Bari

a cura di Lello Tedeschi (regista, Teatri di Bari/Kismet) e Piera Del Giudice (Compagnia CasaTeatro Aps)

10 MAGGIO

ore 17.00-18.00

online su Teams

La catarsi nel teatro greco come strumento terapeutico

a cura di Giancarlo Magno (psicanalista, Dipartimento di Salute mentale – Taranto)

ore 18.00-19.00

online su Teams

L’esperienza del Teatro Patologico di Roma

a cura di Francesco Giuffrè (regista)

con Marilù Ursi (giornalista, CasaTeatro)

20 MAGGIO

1, 15 E 28 GIUGNO

ore 16.00-19.00

online su Teams, per chi voglia in presenza, presso la sede della Compagnia Licia Lanera all’interno di Spazio 13, via Colonnello de Cristoforis nr. 8 a Bari (quartiere Libertà)

In limine. Figure marginali nella drammaturgia contemporanea

(Tarantino, Bernhard, Berkoff, Gennaro, Pasolini, Schwab, Koltès)

a cura di Licia Lanera (attrice e regista, Compagnia Licia Lanera)

30 GIUGNO

ore 17.00-19.00

online su Teams

Epilogo. Medea in un carcere psichiatrico, tra narrativa, teatro e cinema

di Piero Totaro (Professore Ordinario di Lingua e letteratura greca e di Storia del teatro greco, Università di Bari

Redazione

 

LASCIA UN COMMENTO