Frode su mascherine durante lockdown, due condanne a Bari

0
115

Il Tribunale di Bari ha condannato a un anno e sei mesi di reclusione (pena sospesa) gli imprenditori Gaetano e Vito Davide Canosino, legali rappresentanti delle società 3MC e Penta srl, per manovre speculative su merci, relativamente ai rincari applicati – nei confronti delle Asl pugliesi – nella fornitura di mascherine Ffp2 e Ffp3 nel periodo del lockdown per l’epidemia da Covid-19 nel 2020.

Le loro aziende, secondo l’accusa, avrebbero applicato un rincaro compreso tra il 92 e il 4000% sui dispositivi di protezione forniti alle Asl.

Gli imprenditori dovranno anche pagare una multa da 10mila euro e sono stati interdetti dall’esercizio di una attività per la quale sono previsti permessi o autorizzazioni speciali. I Canosino, assistiti dagli avvocati Angelo Loizzi e Michele Laforgia, sono stati assolti “perché il fatto non sussiste” dall’aver effettuato manovre speculative causando la rarefazione delle mascherine e sottraendone al consumo grandi quantità.
L’imprenditore Elio Rubino (Aesse Hospital srl, difeso dall’avvocato Fabio De Feo) è stato assolto “perché il fatto non costituisce reato” dal reato di manovre speculative su merci, mentre Romario Matteo Fumagalli (Sterimed, assistito dal legale Ennio Amodio) e Massimiliano Aniello De Marco (Servizi ospedalieri, difeso dall’avvocato Angelo Nanni) sono stati assolti “perché il fatto non sussiste” dalle ipotesi di manovre speculative su merci, tentata truffa aggravata e frode in pubbliche forniture. La Procura di Bari aveva chiesto cinque condanne a pene comprese tra un anno e sei mesi e i due anni di reclusione ( fonte Ansa).

Redazione

LASCIA UN COMMENTO