Fidanzati uccisi a Lecce: ergastolo confermato in appello per Antonio De Marco

0
241
Antonio De Marco, ritenuto responsabile dell'omicidio del giovane arbitro Daniele De Santis e della fidanzata Eleonora Manta, Lecce, 29 settembre 2020. De Marco voleva immobilizzare , torturare e uccidere la coppia, per poi ripulire tutto con detergenti e lasciare una scritta sul muro con un messaggio per la città. Aveva programmato tutto per la sera del 21 settembre scorso quando i due sono stati trucidati con decine di coltellate. ANSA/CLAUDIO LONGO

 FEB – I giudici della Corte d’assise d’appello di Lecce hanno confermato la condanna alla pena dell’ergastolo per Antonio De Marco, lo studente 23enne di Casarano reo confesso dell’omicidio dell’arbitro leccese Daniele De Santis e della sua fidanzata Eleonora Manta. I due furono massacrati la sera del 21 settembre 2020 con 79 coltellate – ‘perchè erano felici’- come lo stesso omicida rivelò dopo l’arresto. Il duplice omicidio avvenne nella casa di via Montello, a Lecce, dove lo stesso giorno i due fidanzati erano andati a vivere insieme da soli e che per mesi avevano condiviso con il loro assassino. De Marco è stato condannato all’isolamento diurno per tre anni. “Oggi sono un po’ più felice.  Nessuno mi potrà dare indietro mia figlia, ma oggi Daniele ed Eleonora hanno avuto giustizia”. Così la mamma di Eleonora Manta, Rossana Carpentieri, ha accolto in aula la sentenza.
(ANSA).

Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.