Dj Shadow all’AncheCinema di Bari il 28 maggio per il Locus Festival 2022 launch party

0
53

 

L’evento rappresenta un’occasione imperdibile per ascoltare e vedere in azione uno dei personaggi più influenti della storia della musica hip hop internazionale. Compositore, beatmaker, dj, produttore, DJ Shadow ha elevato lo stato dell’arte della produzione musicale con il suo rivoluzionario album d’esordio “Endtroducing” nel 1996. Pubblicato per la mitica etichetta Mo Wax, l’album ha mostrato al mondo la straordinaria abilità di Shadow nel campionare e manipolare i suoni, spianando il successo ai successivi album fino al recente “Our Pathetic Age” nel 2019.

Ad aprire e chiudere l’evento, due fra i migliori dj venuti fuori dalla scena hip hop italiana: il romano DJ Stile, ed il dj resident del Locus: Tuppi. Entrambi nati artisticamente nei primi anni ’90, condividono la capacità di condire con cut e scratch le selezioni, che spaziano da perle funk anni 70 a classici dell’hip hop e sorprendenti campionamenti.

Con questa autentica festa della creatività musicale contemporanea, il Locus festival presenta il programma completo della sua diciottesima edizione, caratterizzata dal claim “The Rising Sun”. Il sole del Locus festival 2022 sorge dal 18 giugno sul Porto di Bari con il concerto degli ALT-J, ed espande ulteriormente i propri raggi in un sorprendente e inedito viaggio fra le bellezze della Puglia. Fra Trani, Minervino Murge, Fasano, Mola e con la sua parte centrale a Locorotondo, fino al 4 settembre il Locus 2022 ospiterà artisti come AZYMUTH, BRUNORI SAS, CAPAREZZA, CARMEN CONSOLI, COSMO, JOAN AS POLICE WOMAN, KINGS OF CONVENIENCE, RAPPRESENTANTE DI LISTA, MANNARINO, NU GENEA, PAOLO NUTINI, QUANTIC, SONS OF KEMET, VENERUS, WILLIE PEYOTE e tantissimi altri. Il programma completo, ed i link per acquistare i biglietti, sono disponibili sul sito locusfestival.it.

BIOGRAFIA DI DJ SHADOW

Classe 1972, DJ SHADOW deve il proprio successo all’album di debutto, dal titolo ‘Endtroducing’ (1996), vero capolavoro nel suo genere. Grazie a questa prima pubblicazione, diventa artista di punta dell’etichetta discografica MoWax Recording e lavora in radio in California dove ha la possibilità di sperimentare diversi generi musicali e creare contaminazioni tra funk, rock, hip hop, ambient, jazz e soul. Acclamato dalla critica, inizia a lavorare come producer, collaborando tra gli altri con i Rage Against The Machine, gli UNKLE e Dj Cut Chemist.

Negli anni a seguire il dj pubblica ‘Pre-Emptive Strike’ (1998), ‘The Private Press’ (2002), l’avventuroso ‘The Outsider’ (2006), ‘The Less You Know, The Better’, (2011) e diverse versioni deluxe dei suoi primi lavori, regalando ai suoi fan continue produzioni dalle mille sfaccettature e innesti musicali apprezzati e amati in tutto il mondo. Nel 2016 DJ SHADOW pubblica quello che sarebbe diventato il singolo di punta della sua carriera, ‘Nobody Speak’ featuring Run The Jewels, brano che conta 47,3 milioni di stream su Spotify e 35,8 milioni di visualizzazioni su YouTube, contenuto poi nell’album ‘The Mountain Will Fall’. Questo lavoro discografico segna un punto di svolta nella carriera dell’artista: le tracce, basate su stravolgimenti di bit e campioni, da ora si compongono di diversi livelli di frequenza, le trame sono più fitte e l’aggiunta di rullanti e bassi più nitidi rende la musica più profonda e avvolgente. La maturità artistica di DJ SHADOW diventa tangibile anche durante i suoi live: il tour ‘Live From The Shadowsphere’ è descritto da Beatport, una delle piattaforme più influenti nella musica dance ed elettronica, come la miglior performance di sempre dell’artista.

Dopo la riedizione di ‘Endtroducing’ del 2016, DJ SHADOW è tornato nel 2019 con un doppio album dal titolo ‘Our Pathetic Age’: composto di 26 tracce, in cui le strumentali risultano separate dalle tracce vocali con maestria e minuziosità, il disco è l’esempio perfetto di un’estetica hip hop vecchio stampo che piuttosto che perire si apre a suoni nuovi e contemporanei, con rievocazioni al rap hardcore e uno sguardo al futuro. In questo nuovo progetto discografico il dj si è servito della collaborazione di alcuni artisti del calibro di Nas, De La Soul, Fantastic Negrito e membri del Wu-Tang Clan, musicisti che hanno contribuito a regalare un’impronta politica che mai prima DJ SHADOW aveva utilizzato.

redazione

LASCIA UN COMMENTO