Comune di Bari: inaugurato il primo Polo socio-sanitario di prossimità per cittadini vulnerabili e in povertà estrema finanziato dall’assessorato

0
89

 

INAUGURATO IL PRIMO POLO SOCIO-SANITARIO

DI PROSSIMITÀ PER CITTADINI VULNERABILI E IN POVERTÀ ESTREMA

FINANZIATO DALL’ASSESSORATO AL WELFARE

 

È stato inaugurato questa mattina, in via Re David 76, il primo Polo socio-sanitario di prossimità finanziato dall’assessorato al Welfare nell’ambito dell’avviso pubblico “Azioni di contrasto alla grave marginalità adulta” e gestito in rete dalle associazioni “Psicologi per i Popoli Bari e BAT” e “Medici con l’Africa CUAMM Bari”.

Si tratta di un servizio gratuito e ideato per migliorare le condizioni sanitarie delle fasce più fragili e vulnerabili della cittadinanza attraverso interventi di informazione ed educazione sanitaria, iniziative di prevenzione e promozione della salute, screening e attività diagnostica e trattamentale di base, realizzata attraverso l’impiego di strumentazioni specialistiche e la fornitura di farmaci da banco grazie alla collaborazione con l’Emporio della Salute e farmaceutico dell’assessorato al Welfare.

All’inaugurazione sono intervenuti l’assessora al Welfare Francesca Bottalico, il presidente di Medici con l’Africa CUAMM Bari Renato Laforgia, il referente per gli Psicologi per i Popoli Bari e BAT Marcello Signorile e la direttrice del settore Osservatorio per l’inclusione sociale e il contrasto alla povertà dell’assessorato al Welfare Cristina Di Pierro, nonché Francesca Scorpiniti, direttrice Asl – Centro Salute Mentale, e Alfredo Sagaramella, referente del dipartimento Salute mentale.

“L’attenzione alla promozione del benessere e della salute, con riferimento particolare all’infanzia, all’adolescenza, alle persone anziane più vulnerabili, è una delle priorità di questa nuova programmazione dell’assessorato al Welfare – ha dichiarato Francesca Bottalico -. Sono tantissimi i nuovi servizi attivati in questi ultimi mesi, dal Poliambulatorio per la terza età al Libertà alla Casa della Salute per i bambini e le bambine nel quartiere Carassi, dall’Emporio farmaceutico a Poggiofranco a questo nuovo polo socio-sanitario di prossimità a San Pasquale. Si tratta di un presidio molto innovativo che offrirà prestazioni gratuite di natura sociale e socio-sanitaria, in un’ottica di prevenzione e promozione della salute rivolta a chi, come le persone migranti e senza dimora o i cittadini in povertà estrema, ha maggiori difficoltà ad accedere direttamente ai servizi pubblici sanitari. Siamo particolarmente contenti di realizzare questo percorso con Medici con l’Africa CUAMM e gli Psicologi per i Popoli che quotidianamente intervengono nei contesti di vita delle persone più fragili, umanizzando le cure e gli interventi sanitari. In questa direzione abbiamo anche avviato un’interlocuzione con l’area sanitaria, che ringrazio per la presenza in questa giornata di inaugurazione, per attivare con loro dei corridoi socio sanitari cittadini  in modo da facilitare l’accompagnamento sociale e interculturale di quanti rischiano di restare ai margini e potenziare tutte le azioni di rete tra il mondo welfare e l’ambito sanitario e favorire una presa in carico complessiva ”.

“Oggi inauguriamo questo polo di prossimità con gli Psicologi per i Popoli ad esito del bando del Comune di Bari, che ha fortemente voluto l’attivazione di questa struttura aperta a tutti coloro che sono in difficoltà, si ritrovano senza dimora, ai migranti e a chiunque si trovi in condizioni di disagio – ha detto Renato Laforgia -. Uno dei nostri medici garantirà la propria presenza nei due giorni di apertura al pubblico. La nostra speranza è quella di poter dare un contributo prezioso dal punto di vista sociale alle fasce più fragili della città”.

“Durante il periodo pandemico, nel confronto continuo con gli operatori dei servizi a bassa soglia, è stata rilevata la necessità di avere un polo socio-sanitario come punto di riferimento per l’utenza in grava marginalità adulta, in modo da informarla ed indirizzarla verso i presidi del servizio sanitario – ha concluso Marcello Signorile -. Lo sportello di informazione vaccini, i tamponi antigenici all’ingresso delle strutture bassa soglia sono stati un primo esempio di anticamera ai servizi sanitari pubblici e, soprattutto, di accompagnamento verso una maggiore consapevolezza della salute propria e pubblica”.

Il centro, che si avvale del contributo di un’équipe multidisciplinare di medici, psicologi, assistenti sociali e mediatori culturali, collaborerà con le realtà sanitarie del territorio promuovendo l’attivazione di ulteriori misure di supporto comunale ed orientando tra i servizi socio-sanitari e sanitari integrati gli utenti con patologie o condizioni problematiche tali da richiedere una presa in carico più strutturata o approfondimenti diagnostici specialistici. Tra le prestazioni offerte anche consulenze psicologiche individuali, familiari e di coppia.

Inoltre, la struttura lavorerà in sinergia con i presidi di accoglienza notturna e residenziali, con unità mobili, servizi di emergenza sociale, mense e associazioni di volontariato della città al fine di intercettare i bisogni delle fasce più svantaggiate della popolazione.

Il Polo socio-sanitario di prossimità sarà aperto due giorni a settimana: ogni martedì, dalle ore 10 alle 13, e ogni giovedì, dalle ore 15 alle 18.

Sarà possibile accedere alle prestazioni presentandosi direttamente allo sportello o effettuando una prenotazione sul sito www.polosociosanitario.it.

Per ulteriori informazioni, inviare una mail a info@polosociosanitario.it.

Redazione

 

 

LASCIA UN COMMENTO