COMUNE COMUNICA – questa mattina la consegna di un riconoscimento al professor Angelo Vacca per la sua attività didattica, scientifica e assistenziale

0
302

QUESTA MATTINA LA CONSEGNA DI UN RICONOSCIMENTO

AL PROFESSOR ANGELO VACCA PER LA SUA ATTIVITÀ DIDATTICA, SCIENTIFICA E ASSISTENZIALE

 Il sindaco Antonio Decaro ha consegnato questa mattina, a Palazzo di Città, alla presenza dell’onorevole Marco Lacarra e del presidente della commissione consiliare Università Giuseppe Cascella, una targa di riconoscimento al professor Angelo Vacca, direttore dell’unità operativa di Immunologia Clinica e Allergologia e dell’unità operativa di Medicina Interna “Guido Baccelli” dell’Università di Bari per il notevole contributo dato allo sviluppo e al progresso di due importanti specializzazioni mediche.

“Conosciamo da anni il professor Vacca – ha spiegato Giuseppe Cascella – e oggi intendiamo riconoscergli i grandi risultati ottenuti nel corso del suo impegno accademico. Il professore, scienziato di caratura internazionale, ha avuto, tra gli altri, il merito di aver organizzato qui a Bari numerosi convegni, ospitando nella nostra città altri scienziati di alto livello. A lui va inoltre la gratitudine di tutta la comunità per aver condotto una strenua battaglia contro il covid-19 sin dall’inizio dell’epidemia, in un periodo nel quale i vaccini non erano ancora disponibili e non vi era ancora un numero sufficiente di mascherine per mettere al sicuro la popolazione. Ma quello che voglio sottolineare è l’estrema affabilità che contraddistingue Angelo Vacca, che più volte è venuto a rappresentare qui a Palazzo di Città il mondo universitario e quello della sanità pugliese”.

“Sono orgoglioso di aver ricevuto questa mattina un riconoscimento – ha detto Angelo Vacca – che mi consente di ringraziare l’amministrazione comunale per il risalto dato al mio percorso accademico e professionale, che certamente è, e sarà sempre, rivolto interamente al benessere della comunità; non solo, ma anche all’accrescimento e all’evoluzione culturale e professionale dei giovani studiosi”.

Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.