COMPAGNIA DIAGHILEV – Lunedì 5 dicembre per I RACCONTI DELLE VENTI Paolo Panaro legge SPECCHIO DELLE MIE BRAME di Alberto Arbasino

0
86

COMPAGNIA DIAGHILEV – TEATRO STUDIO 22 23

Le direzioni del racconto XVI edizione

Ministero della Cultura – Regione Puglia

Comune di Bari Assessorato alle Culture

Auditorium Vallisa – Bari

Prosegue il ciclo di spettacoli e letture sceniche con Paolo Panaro

I RACCONTI DELLE VENTI

Lunedì 5 dicembre

SPECCHIO DELLE MIE BRAME

di Alberto Arbasino

«I racconti delle venti», quattrodici letture sceniche di Paolo Panaro in programma di lunedì, alle ore 20, nell’auditorium Vallisa di Bari, per la stagione teatrale della compagnia Diaghilev, proseguono il 5 dicembre con «Specchio delle mie brame» di Alberto Arbasino, romanzo del 1974 nel quale l’autore guida con allegro rigore i giochi scoperti delle trame «lavorate in pubblico». Davanti ai lettori, il laboratorio della narratività si mostra aperto come una bottega artigianale, con tutti gli attrezzi del mestiere, i materiali e le tecniche, gli arnesi del comico e la possibilità di scegliere soluzioni diverse o sorprese finali, sempre delle migliori marche.

La storia, ambientata dentro una villa sfarzosa in un’estate siciliana afosissima, vede coinvolti una baronessa bramosa, una bambinaccia obesa e caparbia, un ragazzaccio bugiardo e porcello, un’istitutrice gallese delle più frementi, un rozzo precettore disposto a tutto e uno squisito duca dannunziano, che è l’epitome d’ogni decadentismo della Belle Époque. Tutti sono coinvolti in un folle intreccio di combinazioni erotiche sempre più complicate, con rocamboleschi e acrobatici «teatrini»: ingredienti di una deplorevole «commedia all’italiana» o di un pregevole trattatello sul Kitsch alto e basso? Siamo nel repertorio più privilegiato della signorilità meridionale, fra il Verga mondano e il Gattopardo, con tanti saluti a Capuana e De Roberto, e senza trascurare i continui dubbi pirandelliani, i pettegolezzi provinciali di Così è (se vi pare), né i monumentali eccessi dell’Imaginifico? Ci troviamo forse in una sontuosa elegia nostalgica alla Visconti sulle Grandi Famiglie e la Fine di un’Epoca, o in una seduta di sceneggiatura per una telenovela pecoreccia? O magari a un dotto seminario di Alti Studi sull’Analisi Strutturale del Racconto, e la Logica dei Possibili Narrativi, con i contributi di Šklovskij, Barthes, Calvino? Allo spettatore la risposta finale.

Prenotazioni al numero 333.1260425. Biglietti online sul circuito Vivaticket.

REDAZIONE

LASCIA UN COMMENTO