CHIOSTRI e INCHIOSTRI – Noci: Terza edizione del festival letterario

0
107

CHIOSTRI e INCHIOSTRI

Festival di mezza estate

A fine luglio 2022 torna la terza edizione del festival letterario che impreziosirà con la cultura e lo spettacolo dal vivo la città di Noci

 

29, 30, 31 luglio 2022

Percorsi e pensieri letterari, volti, immagini, riflessioni tra i sentieri della città. Per riscoprire un nuovo umanesimo della cultura e analizzare il mondo odierno, alla luce delle sfide proposte dalla modernità, dopo gli ultimi mesi segnati da un conflitto internazionale ancora in corso. La città di Noci torna protagonista della cultura libraria pugliese e nazionale, con la terza edizione di una manifestazione in continua crescita: è il festival letterario di mezza estate «Chiostri e Inchiostri», che si svolgerà dal 29 al 31 luglio 2022 nel centro storico di Noci, tra i suggestivi luoghi all’aperto che ne delimitano i chiostri più belli. Laddove l’inchiostro e le parole genereranno la voglia e la bellezza di tornare a utilizzare gli spazi cittadini per fini culturali.

La manifestazione, con la direzione editoriale del senatore Pietro Liuzzi, è organizzata dal Parco Letterario Formiche di Puglia, con il patrocinio del Comune di Noci, del Consiglio Regionale della Puglia, dell’Assessora all’Ambiente della Regione Puglia e dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bari; e la collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Bari, Pugliè, Vivere d’Arte Eventi e la libreria Skribi. Oltre al sostegno di numerosi sponsor privati.

Durante le tre giornate del festival, il centro storico di Noci, con le peculiari caratteristiche di tessuto urbano in cui i percorsi si incontrano, si intrecciano e divergono, sarà al centro di una pluralità di voci e prospettive, messe a confronto tra loro per riflettere sui temi odierni. Ma anche su storie che si nutrono di passato e futuro, per dare una nuova luce al contemporaneo. Le location principali della rassegna saranno Largo Rotolo, Largo Albanese, Largo Spirito Santo, Largo Porta Nuova, il Chiostro delle Clarisse e la Chiesa Maria S.S. della Natività. Con inizio, tutti giorni, dalle 19 in poi, sino a mezzanotte.

«Dopo tanti distanziamenti – spiega il direttore editoriale Pietro Liuzzi – questo Festival di mezza estate ripropone gli spazi aperti quali luoghi privilegiati per riappropriarsi della dimensione umana, di relazione, urbana, storica e architettonica. Succede nel centro storico di Noci una volta l’anno. Tutto ciò che “naturalmente” appartiene alle donne ed agli uomini custodi della comunità diventa patrimonio di sentimenti, memorie e progetto. A questo serve “Chiostri e Inchiostri”. Ha questa ambizione sociale. Prova a dare risposte alle comunità cittadine, a quelle giovanili, adulte, digitali, ai portatori di interessi collettivi, a coloro che avvertono il bisogno di sognare: mediante l’incrocio di idee, libri, autori, personalità del mondo della cultura, dell’economia, delle professioni, della politica».

Per la terza edizione del festival il programma si fa ancora più ricco, con ben cinquantasette ospiti. Tra i tanti nomi prestigiosi, Antonella Boralevi torna con il suo nuovo libro «Magnifica creatura», un romanzo che parla al cuore, con due vite intrecciate, tra amori che non finiscono e desideri irresistibili, in un paese che ricomincia a sognare.

Marco Follini presenterà «Via Savoia. Il labirinto di Aldo Moro», la parabola umana e politica di Moro fin dai primi passi a Roma, dov’era arrivato dalla Puglia grazie alla sua delicata intraprendenza. Un altro romanzo da non perdere è quello di Anna Dalton – «Le tre figlie» -, tra una madre ingombrante, tre sorelle che non si vedono da anni, e un segreto di famiglia tutto da svelare. E se Micaela Palmieri, con «Educazione ambrosiana» tratterà della passione calcistica più vera e nobile, quella per la squadra del cuore (nel suo caso l’Inter), Paolo Verri ne «Il paradosso urbano. Nove città in cerca di futuro» riflette sul fatto che le città, di qui a breve, saranno sempre più i luoghi in cui si elaborerà il futuro del pianeta, in cui si sperimenteranno nuovi modelli sociali e tentativi di pace permanente, in cui si svilupperanno una ricerca di frontiera e insieme modelli di cooperazione culturale inediti.

Beppino Englaro sarà inoltre a Noci per un dialogo molto atteso sul tema sempre attuale del fine vita, mentre l’attore Lino Guanciale sarà protagonista di un reading tra pagine e musica, intitolato «Fuggi la terra e l’onde». Non mancheranno ampi spazi di bellezza, tra musica e poesia, come un reading tra le sette note dedicato a Federico García Lorca e il concerto dell’arpista nocese Claudia Lucia Lamanna, che a 26 anni, lo scorso mese di aprile, ha trionfato nel più importante concorso internazionale per il suo strumento, nel New Auditorium di Akko, in Israele. Tra i concerti, ci sarà anche quello del raffinato cantautore romano Pierdavide Carone.

Tra le novità di questa edizione 2022 del festival, si segnala «Noci Segreta», con l’apertura straordinaria di un luogo speciale per un evento culturale legato alla bellezza in esclusiva: sabato 30 e domenica 31 luglio, alle 20,30, l’appuntamento iniziale partirà da Piazza Plebiscito, e il pubblico sarà condotto in un percorso tutto da scoprire.

La partecipazione agli eventi è gratuita, con gli incontri a ingresso libero fino a esaurimento posti. Info e dettagli sul sito www.inchiostrinoci.it e sulla pagina Facebook del festival, «Chiostri e Inchiostri» (facebook.com/inchiostrinoci).

redazione

LASCIA UN COMMENTO