Bari Piano Festival 2019, la musica incontra i libri” al Trampolino: concerto di Mirco Ceci

0
447

Bari Piano Festival, musiche al pianoforte. I LUOGHI Torre Quetta, Fortino di Sant’Antonio, Basilica di San Nicola, lido Il Trampolino, foyer Teatro Petruzzelli, Ospedale oncologico Giovanni Paolo II di Bari, Chiostro di Santa Chiara, Casa Circondariale di Bari, Circolo della Vela, house concerts.

 

 

Ideato e patrocinato dal Comune di Bari, promosso e organizzato da Teatro Pubblico Pugliese, con il sostegno di FSC 2014-2020 “Interventi per la tutela e valorizzazione dei beni culturali e per la promozione del patrimonio immateriale”, con il patrocinio del Conservatorio di Bari, in collaborazione con Fondazione Petruzzelli, partner il Circolo della Vela Bari, Torre Quetta e Il Trampolino, main sponsor La Lucente spa, Bariblu e Amgas Srl, Bari Piano Festival prevede quindici appuntamenti, tutti a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Domani martedì 27 agosto, alle 18.45, l’incontro La musica incontra i libri nel lido Il Trampolino, a cura della Libreria Laterza. La conversazione, condotta da Antonella Daloiso, sarà con Patrizia Gesuita, autrice de Il segreto di Esther. Previsti interventi di Dinko Fabris e letture a cura di Antonella Radicci. Il concerto al pianoforte sarà eseguito dal barese Mirco Ceci che, per l’occasione, eseguirà in prima assoluta Spin di Raffaele Minella, commissionato dal BPF (Bari Piano Festival).

Info su: www.baripianofestival.it

Hashtag di riferimento: #BariPianoF19 #RisuonaLaCitta

Mirco Ceci (Bari, 1988)

Mirco Ceci intraprende i suoi studi al Conservatorio “N. Piccinni” di Bari, diplomandosi in pianoforte sotto la guida del M° Emanuele Arciuli e in Composizione sotto la guida del M° Gianluca Baldi. Nel 2013 completa il Biennio di secondo livello di Pianoforte sotto la guida del M° Arciuli, con una tesi su E. Carter e J. Adams. Si perfeziona presso l’Accademia Pianistica di Imola, sotto la guida di L. Margarius, B. Petrushansky, L. Lortie, P. Rattalino, e M. Dalberto, e successivamente segue i corsi di perfezionamento con Elisso Virsaladze presso l’Accademia Musicale di Fiesole.

Dopo il debutto a 14 anni con l’esecuzione del Primo Concerto per PIanofrote e Orchestra di Beethoven con l’Orchestra del Conservatorio “Piccinni” di Bari, nel 2006 vince il Primo Premio al Concorso Internazionale di Esecuzione pianistica “Pietro Argento” di Gioia del Colle cui segue, nel 2007, l’importante vittoria alla 24° Edizione del prestigioso Concorso pianistico “Premio Venezia”.

Seguiranno numerose esibizioni per le maggiori associazioni concertistiche italiane, fra cui:  il Teatro “La Fenice” di Venezia, l’Unione Musicale di Torino, la Società dei Concerti di Milano (Sala Verdi), e altre ancora a Londra, Saragozza, Schaffhausen, Bellinzona.

Svolge anche un’intensa attività cameristica in duo col fratello violinista Gabriele, e collabora inoltre col Quartetto di Venezia e con artisti quali M. Dalberto, P. Berman, U. Clerici, L. Marzadori, D. Palmizio.

Sempre più impegnato nella composizione, i suoi studi proseguono sotto la guida di A. Corghi e M. Bonifacio presso l’Accademia Filarmonica di Bologna, l’Accademia Chigiana di Siena e a Brescia presso la Fondazione Romano Romanini.

Nel 2013 esegue a Bologna i suoi ‘Tre studi per pianoforte’, scritti su commissione della Regia Accademia Filarmonica, e nel 2016 l’Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari esegue a Bari i suoi ‘Cinque Pezzi per Orchestra’.

redazione

LASCIA UN COMMENTO