AGÌMUS Mola di Bari – Sabato 4 marzo le EbbaneSis, il duo che rilegge in napoletano il pop-rock internazionale, dai Queen a Michael Jackson

0
279

Inverno Agìmus 2023

Mola di Bari

Teatro Niccolò van Westerhout

Sabato 4 marzo, ore 20.45

Le EbbaneSis

in

TRANSLEIT

 

Dai Queen ai Beatles sino a Michael Jackson,

il pop-rock internazionale cantato in napoletano

Di scena il duo composto da Viviana Cangiano e Serena Pisa

nato per gioco sul web e diventato un raffinato progetto musicale

 

Nate per gioco sul web, approdate seriamente su palcoscenici importanti, grazie ad un incontro folgorante. Perché la vita è fatta di incroci, come sanno bene Viviana Cangiano (voce) e Serena Pisa (voce e chitarra), in arte EbbaneSis, il duo ospite dell’Agìmus di Mola di Bari sabato 4 marzo (ore 20.45) nel Teatro van Westerhout. In programma, lo spettacolo «Transleit», che è anche il titolo di un album del 2020 nel quale le due musiciste avevano sintetizzato la loro maestria e dieci traduzioni in napoletano di celebri cover, da «Michelle» dei Beatles a «Bohemian Rhapsody» dei Queen sino a «Billie Jean» di Michael Jackson.

Non manca il pop italiano, rappresentato da «Attenti al lupo» e «T’appartengo». E pensare che tutto ha avuto origine sui social, nel 2017, quando il duo inizia ad apparire su Facebook con intriganti rivisitazioni di classici della canzone napoletana, ma anche celebri pezzi rock cantati in dialetto. È il caso di «Carmela» di Salvatore Palomba, portata al successo dalla «voce di Napoli» Sergio Bruni, che supera le 400mila visualizzazioni, e soprattutto «Bohemian Rhapsody», che registra addirittura 2milioni di views, diventando un autentico caso mediatico.

Nasce così lo spettacolo-concerto «Serenvivity», qualche anno fa ospitato in Puglia proprio dall’Agìmus, nel quale Viviana e Serena cantano classici della canzone napoletana come «Reginella», «‘O sarracino», «Rondinella», «‘O zappatore», «‘A rumba de scugnizzi» e «‘O sole mio», rivisitati in un vaudeville nel quale una componente importante gioca la vis comica delle due artiste, che dopo le collaborazioni con lo scrittore Maurizio De Giovanni ed Elena de Curtis, nipote del principe della risata Totò, hanno avuto riscontri positivi da maestri della tradizione partenopea come Isa Danieli, Lina Sastri e Teresa de Sio.

Alle richieste di concerti in Italia, si aggiungono le esibizioni in Francia, Germania, Russia, Emirati Arabi e molti altri Paesi, dove le EbbaneSis cantano sempre in napoletano. «Promuoverlo anche attraverso le traduzioni di hit internazionali è una grande responsabilità per noi – spiegano le due artiste – e lo facciamo solo per il piacere di donare alle canzoni che amiamo un sapore partenopeo. È un esercizio che ci fa amare ancora di più la nostra città e la nostra cultura».

Biglietti acquistabili online su https://www.associazionepadovano.it/acquisto/

Info 368.568412 – 393.9935266

redazione

 

addetto stampa

LASCIA UN COMMENTO