Agimus Festival a Mola di Bari, Le Scat Noir nel chiostro di Santa Chiara

0
913
SONY DSC

Da Lucio Dalla a Duke Ellington e Fats Waller, passando per alcune composizioni originali, affrontano il cantautorato e gli standard jazz partendo da punti di vista diversi sulla tradizione afro-americana. Sono le musiciste del trio Le Scat Noir, attese venerdì 27 luglio (ore 21), nel chiostro di Santa Chiara, a Mola di Bari, per l’AgìmusFestival 2018 diretto da Piero Rotolo per l’Associazione Giovanni Padovano Iniziative Musicali nella Rete di musica d’arte Orfeo Futuro.

Natalia Abbascià, di Ruvo di Puglia, mescola, un gusto per il contrappunto classico e il gospel, mentre Ginevra Benedetti, di Firenze, spirito artistico e visionario, rappresenta l’anima blues del trio, nel quale Sara Tinti, di Pieve di Cento, in provincia di Bologna, porta armonizzazioni vocali sperimentali mutuate dalle proprie conoscenze pianistiche. Tuttavia, non è solo la curiosità per la ricerca che porta Le Scat Noir a creare un progetto insolito nel quale far confluire i rispettivi background, ma anche una grande intesa umana. Così, inediti, canzoni d’autore e standard jazz, riarrangiati dalla stesse musiciste per tre voci, pianoforte e violino, diventano parte di un repertorio live nel quale brani a cappella si alternano ad altri con accompagnamento strumentale.

Info 368.568412 – 393.9935266 – www.associazionepadovano.it

Biglietti: 10/8 euro

redazione

addetto stampa

LASCIA UN COMMENTO