Affetta da una rara cardiopatia ereditaria: al Policlinico di Bari donna incinta porta a termine la gravidanza con defibrillatore indossabile

0
45

) – BARI, 07 NOV – All’ottavo mese di gravidanza scopre di essere affetta da una rara cardiopatia ereditaria, a rischio di condurre a morte improvvisa, ma grazie a un defibrillatore indossabile, un giubbottino salvavita da tenere 24 ore su 24, riesce a portare a termine la gravidanza senza problemi.

La diagnosi immediata e il tempestivo intervento degli specialisti del Policlinico di Bari hanno salvato la vita a una donna di 30 anni e al piccolo.

Un team multidisciplinare ha eseguito dapprima il trattamento cardiaco, per proteggere la mamma, permettendole di portare avanti la gravidanza in totale sicurezza; successivamente è stato effettuato il parto cesareo.
La donna, a seguito di accertamenti fatti durante la gravidanza, aveva ricevuto la diagnosi di una rara sindrome cardiaca, la sindrome del QT lungo, che predispone a cardiopalmo, sincope e morte improvvisa a causa dell’insorgenza di aritmie maligne, come la tachicardia ventricolare e la torsione di punta. Dopo i primi accertamenti, è stata subito presa in carico dagli ambulatori di alta specializzazione di Gravidanze a rischio (responsabile professoressa Antonella Vimercati) e di Cardiomiopatie e sindromi aritmogene (responsabile professoressa Cinzia Forleo). “La sindrome del QT lungo – spiega il professor Marco Ciccone, direttore dell’Unità operativa complessa Cardiologia Universitaria – è una condizione estremamente rara, 1 su 2500 nati vivi, congenita, caratterizzata dal rischio di andare incontro ad aritmie pericolose per la vita, e che necessita l’impianto di un defibrillatore ma che, nel caso della paziente, era impossibile eseguire, data la condizione di attesa e il rischio di tossicità per il feto”. (ANSA)

Redazione

LASCIA UN COMMENTO