8 arresti a Triggiano: debito per droga, estorsioni e spaccio

0
625

 

BARI, 20 LUG – Un agguato per un debito di droga, estorsioni a due commercianti e oltre 150 episodi di spaccio sono i reati contestati a otto persone arrestate oggi a Triggiano, nel Barese, dai carabinieri (sei in carcere e due agli arresti domiciliari). Gli indagati rispondono, a vario titolo, di concorso in lesioni personali aggravate, porto e detenzione di armi comuni da sparo, spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, furto aggravato e ricettazione.

L’indagine, coordinata dalla Procura di Bari, è partita il 12 gennaio 2020 dopo il ferimento di un 39enne a colpi di arma da fuoco, per una partita di droga da 500 euro non pagata dalla vittima. Per l’agguato erano già stati arrestati i due presunti esecutori materiali e oggi i militari hanno portato in carcere il presunto mandante, un 31enne, e un altro 39enne accusato di detenzione illegale di arma da fuoco. Le indagini successive al ferimento hanno consentito di scoprire ulteriori presunti illeciti commessi a Triggiano dalla stessa vittima dell’agguato, oggi destinataria dell’ordinanza d’arresto. L’uomo risponde di detenzione e spaccio di cocaina e di tentata estorsione ai danni del titolare in un panificio del centro storico di Triggiano al quale, dietro minacce di morte, con frasi del tipo “ti taglio la testa e ti faccio chiudere il negozio”, avrebbe chiesto denaro, birra e focaccia. Lo stesso 39enne è indagato in concorso con un 46enne del furto dell’attrezzatura di lavoro di un elettricista, al quale avrebbe poi tentato di estorcere 1.500 euro per la restituzione, non riuscendo nell’intento per il rifiuto della vittima che lo ha denunciato. Gli accertamenti dei carabinieri hanno inoltre documentato, tra gennaio e aprile 2020, oltre 150 cessioni di droga. (ANSA).

Redazione

 

LASCIA UN COMMENTO