5° appuntamento XXII Stagione di Prosa teatro Angioino di Mola di Bari

0
263

Sabato 11 febbraio 2023 alle h.21, nell’ambito della XXII Stagione di Prosa del teatro Angioino di Mola di Bari,  con la direzione artistica di Francesco Capotorto,

La Compagnia Instabile Napolinscena presenta

“Come si rapina una banca” commedia brillante di Samy Fayad

Con Ascanio Cimmino,Margherita Buono,Achille Zizzi,Mimmo Macrì, Bettina Calcagno,Simona Lezzi, Francesco D’Andria, Mastellone … una voce al telefono.

           

La famiglia di Agostino Capece, un poverissimo, improvvisato e poco attendibile inventore, fermamente convinto che il proprio genio risolleverà le sorti della sua famiglia in miseria, si compone anche di Regina, la moglie, una donna concreta, alle prese con la guerra quotidiana della vita. Poi ci sono il nonno Gaspare, papà di Agostino, e i figli Tonino, disoccupato, e Giuliana, incinta e senza marito. Precipitano su di loro due eventi: l’arrivo dell’incontenibile vedova Altavilla e la folle idea di rapinare una banca avuta da Tonino e Agostino che dovrebbe essere la soluzione dei loro problemi. La rapina, l’attuazione di uno stravolgimento del corso degli eventi, sembra portare al raggiungimento della tanto agognata felicità. Ma, attraverso un finale a sorpresa carico di suspense e di humour, la famiglia Capece raggiungerà per altre vie quella tranquillità che nella vita non viene mai negata ai giusti e agli onesti.

 

Napoli e l’amore per questa meravigliosa città è protagonista assoluta del lavoro di Fayad.

Se vi dicessero, infatti, che proprio passeggiando sotto Napoli potreste – sollevando un semplice tombino dell’acquedotto – trovarvi, come d’incanto, in una banca e, perché no?, pensare di rapinarla, ci credereste?E’ quello che accade ai protagonisti della commedia i quali, dopo la sotterranea passeggiata, si ritrovano nei locali del Credito Meridionale agenzia n. 81 con l’obiettivo di trasformare definitivamente le loro misere esistenze.

Ma se la famiglia è composta da un padre inventore frustrato e fallito, in eterna attesa di finanziamenti per la realizzazione di un improbabile “clarinetto a pedale” per musicisti malati di asma bronchiale, da una madre ormai sfiancata dai fallimenti del marito “inventore”, da un figlio inetto e incapace, una figlia gravida prossima alle doglie e con la certezza di un futuro da ragazza madre e infine, un vecchio nonno che non ha più neanche le bretelle per tenere su i calzoni, allora l’avventura si fa più incerta.

A complicarla ulteriormente, un’inconsolabile vedova che, seppur inconsapevolmente, farà di tutto per intralciare i piani della simpatica famigliola.

Come va a finire cercherà di capirlo anche l’attonito direttore dell’agenzia che, all’indomani della burrascosa nottata, troverà nei suoi uffici un manipolo di curiosi personaggi accasati nella sua banca!

Come sempre però sarà la sorte a divertirsi ed aprire una strada impensabile quanto insperata per tutti i protagonisti.

 

Si ride di gusto in questa brillante commedia di Samy Fayad, autore teatrale e radiofonico, nato a  Parigi nel 1925, da genitori libanesi, vive undici anni nel Venezuela e all’età di tredici anni si trasferisce a Napoli, trovando nella napoletanità il terreno fertile per raccontare storie dalle mille anime  quale paradigma della complessità e contraddittorietà del nostro tempo. Muore a Napoli nel 1999.

Informazioni e prenotazioni presso il botteghino del teatro Angioino in Mola di Bari alla via S. Pellico n.7 tel: 00804713061; 3496061378.

redazione

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.