“Ditegli sempre di sì” di Eduardo De Filippo al Piccinni di Bari

0
212

Con il nuovo anno riprende la stagione di prosa al teatro Piccinni di Bari, ieri in scena la Elledieffe – Compagnia di Teatro di Luca De Filippo con “Ditegli sempre di sì” di Eduardo De Filippo, con la regia di Roberto Andò.
In scena Carolina Rosi, Gianfelice Imparato, Edoardo Sorgente, Massimo De Matteo, Federico Altamura, Andrea Cioffi, Nicola Di Pinto, Paola Fulciniti, Viola Forestiero, Vincenzo D’Amato, Gianni Cannavacciuolo, Boris De Paola.
Scritta nel 1927 per Vincenzo Scarpetta e riadattata nel 1932 per la compagnia dei Fratelli De Filippo, “Ditegli sempre di sì” è un’opera in equilibrio tra farsa e commedia degli equivoci, che però apre a riflessioni serie sul tema della follia. Il suo protagonista, Michele Murri – magistralmente interpretato da Gianfelice Imparato – è un pazzo vero, tornato a casa dopo un anno di manicomio, apparentemente guarito, che però non sa più guardare al mondo circostante. Egli, infatti, non riesce a cogliere sfumature, ironia o sarcasmo e, a causa della sua ragionevolezza maniacale, legge la realtà solo in senso letterale. Da qui una serie di equivoci e fraintendimenti che, da un lato divertono il pubblico, dall’altro mostrano la labilità del confine tra apparenza e realtà, tra follia e sanità mentale. In un crescendo di situazioni comiche, Michele Murri perde sempre più il contatto con il mondo circostante e risprofonda nella pazzia conclamata, un finale malinconico che aggiunge un altro strato all’opera di Eduardo. Il testo è anche fortemente metateatrale, con le riflessioni del personaggio di Luigi Strada aspirante attore, e impregnato di ironia drammatica, con il pubblico come unico conoscitore di tutte le azioni e reazioni dei personaggi sulla scena.
Davvero bravi gli attori della compagnia Elledieffe a mettere in scena un testo datato rendendolo attuale; belli anche la scenografia di Gianni Carluccio e i costumi di Francesca Livia Sartori.
“Ditegli sempre di sì” è in replica sabato 8 e domenica 9 gennaio.

Maria Cristina Consiglio

LASCIA UN COMMENTO