Turismo, frode su fondi Ue: sequestro di beni ad un imprenditore barese

0
226

Un imprenditore è stato “oggetto ” di provvedimento di sequestro preventivo su beni per aver percepito fondi europei e della Regione Puglia destinati all’ammodernamento e alla ristrutturazione di una struttura agrituristica alberghiera ad Acquaviva delle Fonti. L’imprenditore avrebbe utilizzato somme di denaro pari a 215 mila euro, “per perseguire obiettivi diversi rispetto a quelli cui il contributo pubblico era destinato”. La Guardia di Finanza di Mola di Bari, sotto il coordinamento della Procura Europea, ha posto i sigilli su dieci immobili e a disponibilità bancarie del titolare dell’impresa destinataria dei finanziamenti.

In  particolare, l’imprenditore, indagato per malversazione a danno dello Stato, avrebbe “posto in essere un atto meramente speculativo – spiegano gli investigatori – impiegando l’aiuto comunitario al fine di ristrutturare e collocare la struttura ricettiva sul libero mercato, prima del periodo di vincolo stabilito”, conseguendo così un illecito profitto. Si tratta del primo provvedimento giudiziario nell’ambito di una indagine coordinata dal procuratore europeo delegato per la Provincia di Bari.

Redazione

LASCIA UN COMMENTO