Al via Lezioni di Storia al Petruzzelli di Bari – il programma

0
759

“LE OPERE DELL’UOMO”

Dal 10 ottobre 2021 ritorna al teatro Petruzzelli di Bari
l’appuntamento con la Storia

Ci sono opere collettive che restano nei secoli a testimonianza di una civiltà. Opere che possono unire, come una piazza e un tempio, ma anche dividere, come un muro. Opere dal forte valore simbolico, come una statua, ma anche gigantesche imprese organizzative ed economiche, capaci di mobilitare migliaia di persone.
Le Piramidi, il Colosseo, la Mezquita di Cordoba, Versailles, il Muro di Berlino saranno oggetto del nuovo ciclo delle Lezioni di Storia Le opere dell’uomo che si terrà al Teatro Petruzzelli di Bari (sempre di domenica alle ore 11.30) dal 10 ottobre al 5 dicembre 2021.
Prendendo spunto dalla storia della realizzazione di queste opere, 5 studiosi d’eccezione, autorevoli per rigore scientifico e brillanti per efficacia comunicativa, ricostruiranno l’origine di un’idea, il suo farsi concreto, la continuità – o le trasformazioni – della memoria.
In ogni lezione si proverà a comprendere ciò che tiene insieme storia, potere, denaro, cultura e consenso.
Aprirà il ciclo domenica 10 ottobre Giuseppina Capriotti Vittozzi con una lectio sulle piramidi egizie. Andrea Giardina il 24 ottobre condurrà il pubblico tra gli spalti del Colosseo, uno straordinario osservatorio sulla storia politica, sociale e antropologica dell’antica Roma. Amedeo Feniello il 14 novembre racconterà della Mezquita di Cordoba, foresta di simboli e luogo di mille contrasti. Luigi Mascilli Migliorini il 28 novembre proporrà un affascinante cammino nelle sale di Versailles ripercorrendo le sue innumerevoli vite. Chiuderà il ciclo il 5 dicembre Carlo Greppi con una lezione sul Muro di Berlino, emblema di tutte quelle frontiere che negano la libera circolazione degli esseri umani.

Il ciclo Lezioni di Storia Le opere dell’uomo ideato dagli Editori Laterza, organizzato in collaborazione con la Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari, con il patrocinio del Comune di Bari e della Regione Puglia, è realizzato grazie al sostegno di Exprivia, Masmec, Unicredit.

A dicembre, dopo la chiusura del ciclo, sono previsti due APPUNTAMENTI SPECIALI:

Domenica 19 dicembre – ore 11.30 Lezione di Storia Speciale
di Alessandro Barbero Dante e la guerra.

Mercoledì 29 dicembre 2021 – ore 20.30 Lezione in musica
Mystery Train. Un viaggio nell’immaginario americano
Con Alessandro Portelli, Gabriele Amalfitano, Margherita Laterza e Matteo Portelli

I biglietti, per un numero massimo di tre, sono acquistabili esclusivamente online su www.vivaticket.com
Infoline: 080 9752 810
SI ACCEDE SOLO MUNITI DI GREEN PASS

Date di inizio prevendite:
Dal 4 ottobre: Le piramidi
Dal 18 ottobre: Il Colosseo
Dall’8 novembre: La Mezquita di Cordoba
Dal 22 novembre: Versailles
Dal 29 novembre: Il Muro di Berlino
Dall’8 dicembre: i due eventi speciali Dante e la guerra, Mystery Train

BIGLIETTI NOMINATIVI
Posto in platea I e II ordine: intero € 12 / ridotto € 10
Posto palchi a partire dal III ordine: intero € 7 / ridotto € 5
Riduzioni per under 26 e over 65

PROGRAMMA 2021

• Domenica 10 ottobre − ore 11:30
LE PIRAMIDI
Giuseppina Capriotti Vittozzi

A metà del terzo millennio a.C. i faraoni impiegano ingenti risorse nella costruzione delle loro gigantesche tombe. Si viene formando un paesaggio sacro, coerente con una visione del mondo rivelatrice della civiltà egiziana.

Giuseppina Capriotti Vittozzi è capo del Centro Archeologico Italiano dell’Ambasciata d’Italia al Cairo

• Domenica 24 ottobre − ore 11:30
IL COLOSSEO
Andrea Giardina

Nella Roma imperiale i cittadini si divertono allo spettacolo dei gladiatori che uccidono le bestie feroci, delle bestie feroci che uccidono i gladiatori, dei gladiatori che si uccidono tra loro. Quando entriamo in uno dei monumenti più visitati al mondo, ci ritroviamo in uno straordinario osservatorio sulla storia politica, sociale e antropologica dell’antica Roma.

Andrea Giardina è professo emerito della Scuola Normale Superiore di Pisa

• Domenica 14 novembre − ore 11:30
LA MEZQUITA DI CORDOBA
Amedeo Feniello

Simbolo della lunga vicenda musulmana in Spagna, cominciata nel 711, la Mezquita di Cordoba racconta, ancora oggi, di innumerevoli vicende di contrasti e lotte, di filosofie e bellezze, di musulmani e cristiani. Un monumento che è esso stesso una foresta di simboli, in una città, a cavallo dell’anno Mille, tra le più splendenti del mondo.

Amedeo Feniello insegna Storia medievale presso il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi dell’Aquila

• Domenica 28 novembre − ore 11:30
VERSAILLES
Luigi Mascilli Migliorini

Nata come vigoroso progetto politico capace di imporre l’autorità della monarchia su una Francia feudale, Versailles è condannata ad essere il segno di battaglie del potere. Devastata dai rivoluzionari, ‘snobbata’ da Napoleone, quartier generale dei prussiani durante l’assedio di Parigi, conosce un nuovo momento di gloria quando – nella celebre Galleria degli Specchi – ospita la firma della pace che chiude la Prima guerra mondiale.

Luigi Mascilli Migliorini è docente di Storia moderna presso l’Università di Napoli L’Orientale

• Domenica 5 dicembre − ore 11:30
IL MURO DI BERLINO
Carlo Greppi

Inizialmente un’opera rudimentale ad altezza uomo, il Muro di Berlino è raccontato come un atto di difesa necessario, ma in realtà si rivolge fin da subito contro gli abitanti della Germania Est. Il testimone passerà idealmente alle democrazie liberali, uscite ‘vincenti’ dalla guerra fredda, che dagli anni Novanta daranno continuità alla pratica messa in atto dalla DDR, negando la libera circolazione.

Carlo Greppi è storico, scrittore e dottore di ricerca in studi storici

Tutte le lezioni sono introdotte da Annamaria Minunno

A dicembre, dopo la chiusura del ciclo, sono previsti due APPUNTAMENTI SPECIALI:

• Domenica 19 dicembre − ore 11:30
LEZIONE DI STORIA SPECIALE
DANTE E LA GUERRA
Alessandro Barbero

• Mercoledì 29 dicembre − ore 20:30
LEZIONE IN MUSICA
MYSTERY TRAIN. UN VIAGGIO NELL’IMMAGINARIO AMERICANO
Con Alessandro Portelli, Gabriele Amalfitano, Margherita Laterza e Matteo Portelli

redazione

LASCIA UN COMMENTO