Riqualificazione piazza Umberto: pronto il progetto preliminare per l’approvazione in giunta

0
202

IL COMUNE COMUNICA – riqualificazione piazza Umberto: pronto il progetto preliminare per l’approvazione in giunta, Galasso: “Priorità a bambini, anziani e studenti, accolte le proposte di partecipazione

RIQUALIFICAZIONE PIAZZA UMBERTO 

PRONTO PROGETTO PRELIMINARE PER APPROVAZIONE IN GIUNTA

GALASSO: “NELLA NUOVA PIAZZA UMBERTO PRIORITÀ A BAMBINI, ANZIANI E STUDENTI. ACCOLTE PROPOSTE DI PARTECIPAZIONE”

L’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso rende noto che il progetto di riqualificazione di piazza Umberto sarà approvato, in fase preliminare, entro il mese di ottobre dalla giunta comunale. Successivamente i progettisti provvederanno alla stesura del progetto definitivo che sarà trasmesso alla Soprintendenza per l’acquisizione del parere previsto per legge, così da procedere con le ultime fasi progettuali necessarie all’avvio della gara per l’affidamento dei lavori.

Nelle ultime settimane l’amministrazione comunale, unitamente ai progettisti, l’architetto Alberto Iacovoni e l’ingegnere Maurizio Franco, e alla Soprintendenza, ha lavorato per definire singoli aspetti inseriti nella progettazione proprio al fine di evitare ulteriori passaggi burocratici successivi che potrebbero allungare i tempi.

Il progetto della nuova piazza Umberto, uno dei luoghi storici più identificativi della città, si svilupperà su tre temi di fondo: restauro dell’esistente nella parte relativa ai giardini storici e ai monumenti presenti, rifunzionalizzazione degli spazi e durabilità delle finiture.

Per quanto riguarda il primo aspetto, si opererà sulla conservazione e sulla manutenzione di tutto il patrimonio storico della piazza, dai giardini alla vegetazione fino alla conferma geometrica dell’intero sito, come condiviso nell’ambito del percorso partecipativo concluso qualche mese fa. Mentre per la rifunzionalizzazione degli spazi sarà effettuata un’operazione incentrata sulla riorganizzazione di alcuni luoghi con l’obiettivo di attrarre nuovi target di cittadini. Tra questi, particolare importanza rivestirà la superficie degli spazi dedicati ai bambini in corrispondenza dell’attuale area giochi, spesso oggetto di atti vandalici: l’obiettivo è quello di riqualificare totalmente l’area con un intervento fortemente migliorativo e innovativo. Contemporaneamente si interverrà sulla riorganizzazione della struttura relativa ai servizi igienici pubblici, ormai fatiscente e priva di alcuna rilevanza storica, che sarà interamente demolita per essere ricostruita in maniera diversa ed ospitare nuove funzionalità. Sarà, infatti, realizzata una struttura dotata anche di un piccolo spazio commerciale, adiacente al nuovo blocco servizi, così da condividerne la gestione e da ottenere un miglior aspetto dell’area. Nella fattispecie la struttura sarà realizzata in acciaio e cristalli e costituirà un “play-bar” perfettamente integrato con l’area giochi, che proseguirà in continuità fino al secondo blocco presente sulla piazza, rappresentato dalla ex Goccia del Latte.

Molta attenzione sarà data agli arredi partendo da due principi fondamentali: rispettare la storia e l’identità visiva dei luoghi attraverso la scelta di componenti durevoli e facilmente manutenibili ma che allo stesso tempo rispettino le caratteristiche storiche del luogo. Per quanto riguarda le sedute è al vaglio la scelta di panchine in legno con schienale, confortevoli per ogni tipologie di utenza, realizzate con struttura in ghisa e in linea con  alcuni modelli di stampo utilizzati in passato nei giardini storici della città, di cui si conserva la disponibilità in alcune fonderie locali.

Il progetto di illuminazione sarà capillare, per cui sarà montato un corpo illuminante in ogni angolo della piazza con l’ampliamento del numero delle telecamere sulla piazza, che attualmente sono sedici. La loro efficacia sarà ulteriormente migliorata con la previsione di ridurre sensibilmente gli oleandri, piantati in epoca recente e che negli anni si sono trasformati in ricettacolo di rifiuti e situazioni di ogni tipo.

Nel rispetto della vegetazione esistente, si cercherà di eliminare ogni barriera che impedisce una maggiore e migliore fruibilità da parte dei cittadini.

“L’intervento su piazza Umberto è strategico per la città – spiega Giuseppe Galasso -. Dopo aver risolto una serie di intoppi burocratici, ci siamo messi al lavoro con progettisti e cittadini per recuperare il tempo perso, dovuto a una serie di contenziosi tra progettisti. Viste la particolarità e l’importanza dell’intervento di restauro, abbiamo voluto condividere la prima fase di progettazione con cittadini e associazioni da cui sono arrivate proposte interessati che hanno trovato spazio nella progettazione preliminare. Quando abbiamo cominciato a lavorare a questo progetto, lo abbiamo fatto partendo dal punto di vista dei cittadini che vorremmo potessero frequentare quella piazza: più bambini, più anziani e più studenti. Gran parte dell’intervento, quindi, è stato pensato per favorire l’accessibilità di questi cittadini che per troppi anni sono stati costretti a stare lontani da una delle piazze più belle e più importanti di Bari. In particolar modo ci siamo concentrati sull’area laterale che si frappone tra i manufatti della ex Goccia del Latte e il blocco servizi, con al centro un’area giochi oggi degradata. Qui si concentra una delle principali novità della nuova piazza Umberto che sarà dotata di uno spazio fortemente accogliente e attrattivo per bambini e famiglie con giochi ma anche servizi, tra cui un “playbar” che incorporerà i bagni in un unico blocco edilizio, e quindi ad unica gestione. Per il resto ci siamo dedicati alla salvaguardia dell’esistente con un’attenzione particolare al patrimonio arboreo e ai giardini storici, eliminando però tutto ciò che non rappresenta la storicità del luogo e che crea una barriera per le attività di controllo e manutenzione.

Contiamo di aprire il nuovo anno con il perfezionamento della progettazione definitiva ed esecutiva in modo da pubblicare immediatamente la gara dei lavori, con la speranza di poter vedere aperto il cantiere per la prossima estate”. 

LASCIA UN COMMENTO