Il segretario generale della Cisl FP Bari Franco Capodiferro scrive al sindaco di Bari Antonio Decaro in merito alla nota relativa a uniformi e veicoli

0
217

IL SEGRETARIO GENERALE DELLA CISL FP BARI FRANCO CAPODIFERRO SCRIVE AL SINDACO DI BARI ANTONIO DECARO IN MERITO ALLA NOTA DEL COMUNE DI BARI 175685/2021 DEL 06/07/2021 SU UNIFORMI E VEICOLI.

“Il lupo perde il pelo ma non il vizio….”

Ancora una volta il pur rispettabile Generale Michele Palumbo invece che limitarsi al merito delle questioni sollevate dal sindacato, dalla Cisl Fp, si lascia andare in suggerimenti relativi all’attività sindacale che troppo spesso, secondo la sua illuminante riflessione, produce argomentazioni incoerenti e sterili. Quali sarebbero gli argomenti fecondi e coerenti secondo il Palumbo pensiero, non è dato comprendere.

Chiedere lo stato di avanzamento della nuova fornitura individuale del vestiario come ben fatto da parte del Coordinamento territoriale della Polizia Locale della CISL FP Bari significa arrecare disturbo al manovratore che infastidito e stizzito non si limita a soddisfare la legittima istanza come un bravo dirigente pubblico è tenuto a rispondere ma diviene l’occasione per stigmatizzare coloro che si sono permessi di sollevare la problematica. Ma, travisando il ruolo ricoperto, a nostro parere, utilizza i media per sminuire e intimorire il sindacato.

Stia sereno caro generale, noi continueremo a farci portavoce dei disagi che anche il singolo o la singola lavoratrice ci sottoporrà e non saranno certo le velate minacce a farci desistere dal denunciare comportamenti scorretti o che riteniamo tali.

Rammento al Direttore della Ripartizione della Polizia Municipale che a differenza di ciò che avviene nei corpi, militarizzati e non, delle forze dell’ordine dove il cambio del vestiario in dotazione avviene con cadenza periodica ben definita a prescindere dallo stato di usura dello stesso, al Comune di Bari avviene su richiesta e quando disponibile!

Non ci risulta inoltre che per la scelta della qualità delle forniture, della tipologia e della quantità vi sia una apposita “commissione” che vede il coinvolgimento di chi opera quotidianamente sul territorio e che quindi esprima valutazioni di comodità e funzionalità sia del vestiario che delle attrezzature che il Comune di Bari acquista periodicamente.

Il risultato è quello che abbiamo potuto riscontrare personalmente. Vi sono operatori e\o operatrici della Polizia Locale di Bari che indossano vestiario acquistato personalmente sia perché quello in dotazione risulta poco funzionale sia perché ritenuto più comodo per il servizio assegnato. Non abbiamo voluto credere a quanti invece riferiscono della discrezionalità riscontrata nel soddisfare richieste di vestiario per usura, ma certamente qualche dubbio ce lo alimentano.

Ebbene, la risposta laconica è stata quella di mettere le mani avanti affermando che non risultano “segnalazioni” da parte di singoli operatori di PL e che quindi tutto frutto fantasioso e strumentale del sindacato che non è bene informato.

Stesso ragionamento è quello relativo alla preoccupazione espressa sul parco veicolare e della richiesta di un incontro per meglio approfondire le due tematiche.

Nessuna risposta in merito alla richiesta di confronto ma ancora bacchettate per chi osa mettere in dubbio l’operato del “manovratore”!

L’efficienza e il reintegro di nuovi veicoli non solo risponde a esigenze lavorative ma anche e soprattutto per quel che ci riguarda anche a esigenze di sicurezza di quanti sono chiamati al loro utilizzo.

Ricordo che la sicurezza sul lavoro e i criteri generali per la individuazione delle misure concernenti la salute e la sicurezza sul lavoro è materia di contrattazione decentrata (art. 7 c.4 lett.m ccnl 2016/18).

La Cisl FP Bari è sempre disponibile al confronto, nel rispetto dei rispettivi ruoli e responsabilità consapevole delle difficoltà operative di ognuno ma è poco incline ad accettare supinamente comportamenti intolleranti tendenti a limitarne la propria attività o quella dei dirigenti sindacali aziendali eletti dagli iscritti. Chiediamo con forza che si faccia chiarezza su la gestione e la dotazione del vestiario e del parco veicolare. Non ci pare di chiedere molto.”

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO