Recital pianistico di Antonio Di Cristofano a Palazzo delle Arti «Beltrani» di Trani

0
100

RECITAL PIANISTICO DI ANTONIO DI CRISTOFANO

La Fondazione European Arts Academy «Aldo Ciccolini» torna all’attività con il concerto di un prestigioso musicista italiano 

Palazzo delle Arti «Beltrani» di TraniGiovedì 8 luglio, ore 20,30

La Fondazione European Arts Academy «Aldo Ciccolini» di Trani torna all’attività concertistica con un recital di grande prestigio: giovedì 8 luglio, alle 20,30, al Palazzo delle Arti «Beltrani» di Trani (nella Corte «Davide Santorsola», in via Giovanni Beltrani 51) si esibirà Antonio Di Cristofano, pianista di chiara fama internazionale. L’artista abbraccerà due secoli di grande musica nel suo impaginato, a partire da Wolfgang Amadeus Mozart (Sonata «Parigina» K. 330), per poi proseguire con Johannes Brahms («Klavierstücke» op. 118 nn. 1, 2, 3), Fryderyk Chopin (Polacca-Fantasia op. 61), Sergej Rachmaninov (Preludio op. 23 n. 4, Elegia op. 3), Alban Berg (Sonata op. 1). Infotel: 0883.500.044, costo biglietto 10 euro.

Il concerto è organizzato in collaborazione con il Rotary Club di Trani A. R., presieduto da Pasquale Vilella. L’evento rientra negli obiettivi della Academy Ciccolini (presieduta da Elisabetta Papagni, con la direzione artistica di Alfonso Soldano) per la divulgazione della musica classica, nell’ottica della valorizzazione dei talenti dell’Accademia, anche ospitando a Trani musicisti prestigiosi. Per il Rotary Club di Trani, inoltre, il sostegno all’iniziativa si inserisce in un percorso avviato verso un futuro gemellaggio con il Rotary Club di Grosseto.La K. 330 di Mozart è la decima tra le Sonate pianistiche di Mozart, oltre ad essere la prima ad essere scritta dal compositore dopo l’abbandono del servizio alla corte salisburghese e il trasferimento a Vienna. A partire dal 1781, infatti, Mozart tenta la fortuna come libero professionista nella capitale dell’impero, e proprio grazie al pianoforte, costruisce gran parte del proprio successo nella metropoli. L’estrema brillantezza e giocosità della scrittura di Mozart fa da contraltare alla composizione intimista del Brahms dell’op. 118: i primi tre brani sono due Intermezzi e una Ballata. L’Intermezzo in la minore (“Allegro non assai, ma molto appassionato”) presenta una complessa e affascinante melodia accordale. Il secondo Intermezzo offre invece una delicata linea narrativa di squisita dolcezza. La Ballata in sol minore apre con un tema eroico, dal sapore solenne ed epico; contrastato poi dal secondo tema, più sentimentale. Quanto a Chopin, la Polonaise-Fantasie appartiene all’ultimo periodo della sua creatività, costituendo uno degli esiti più ambiziosi di quel pianismo dalla forma “aperta”, proiettata verso esperienze artistiche del futuro. Il Preludio op. 23 n. 4 di Rachmaninov si collega idealmente a Chopin: è un “Andante cantabile” con una splendida melodia, atmosferica e romantica; lo stesso può dirsi, con un colore più scuro e malinconico, dell’Elegia op. 3. La conclusione del recital è affidata alla Sonata op. 1 di Berg: composta tra il 1907 e il 1908, nacque durante il periodo di apprendistato alla scuola di Schönberg; ricca di simbolismo tardoromantico, ma anche di una logica interna ancora abbastanza legata alla tonalità, seppur con uno sguardo decisamente aperto verso il futuro.

Antonio Di Cristofano – Biografia

Antonio Di Cristofano ha conseguito il Diploma di Pianoforte nel 1986 al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze sotto la guida del M° Antonio Bacchelli, e si è successivamente perfezionato con il M° Massimiliano Damerini.

Si è esibito in recital e con orchestra presso prestigiose Istituzioni italiane quali il Teatro Pergolesi di Jesi, il Teatro Verdi di Firenze, il Festival dei Due Mondi di Spoleto, Asolo Musica, la Sala Puccini di Milano, Teatro Comunale di Alessandria, Teatro Bibiena di Mantova, Teatro Diana di Napoli, Teatro Politeama di Palermo, Auditorium San Barnaba di Brescia, Festival Duni di Matera, ed all’estero nel Festival Pianistico Internazionale di Vigo, festival di Toledo e Gioventù Musicale di Siviglia, BoulderBachFestival in Colorado, Sala del Conservatorio Ciaikovsky di Mosca, Smetana Hall e Dvorak Hall a Praga, Nancyphonies Festival in Francia, Ost-West Musikfest in Austria, Moores Opera House in Houston, Festival Enescu a Bucarest, Festival Grieg in Norvegia, Palacio de Bellas Artes e Auditorium Revueltas a Città del Messico, Gates Concert Hall in Denver, Leeum Auditorium in Seoul, Konzerthaus in Klagenfurt, Gasteig Hall in Monaco, Società Chopin di Varsavia, Glenn Gould Studio in Toronto, Malta International Piano Festival, Washington International Piano Festival, Shanghay Piano Festival, Yamaha Concert Hall in Tokyo, Shenzen Piano Festival, Hong Kong City Hall, ecc. ed anche in Bulgaria, Albania, Turchia, Inghilterra, Croazia, Svizzera, Grecia, Israele, Portogallo, Ungheria, Belgio, Serbia, Ucraina, Canada, Argentina, Svezia, Sud Africa, Estonia, Finlandia, Egitto e Brasile. Ha collaborato con direttori quali G. Taverna, M. Bosch, M. Alsop, C. Schulz, M. Zanini, C. Olivieri-Munroe, A. Chernushenko, L. Svarovsky, M. Sieghart, con orchestre quali: Cantelli di Milano, da Camera Fiorentina, Sinfonica di Lecce, Magna Grecia, Sinfonica Siciliana, Solisti Aquilani, Orchestra Sinfonica di Sanremo, Milano Classica, FVG Mittleuropa, Sinfonica Abbruzzese, Radio Bucarest, Sinfonica dello Stato del Messico, Università di Houston, RTV Albanese, Istanbul Chamber Orchestra, Praga Radio Symphony Orchestra, North Czech Philarmonic, Izmir Symphony Orchestra, Iasi State Filarmonica, Czech Philarmonic, Toronto Sinfonia, Philarmonique de Montreal,Jerusalem Symphony, Slovak Filharmonie, Kaerntner Sinfonieorchester, Dubrovnik Symphony Orchestra, New York Chamber Players, Orchestra do Norte Portugal, Thuringen Orchestra, Moravian Philarmonic, Euro Sinfonietta Vienna e recentemente con l’Orchestra della Scala di Milano.

Dopo aver debuttato nel 2006 con gran successo nella Weill Hall a New York si è esibito nell’Isaac Stern Auditorium nella Carnegie Hall con la New England Symphony riscuotendo ampi consensi. Di notevole prestigio anche il debutto nella Sala Grande del Konzerthaus a Vienna con la Wiener Mozart Orchestra nel 2006 a cui è seguito nel 2007 un concerto nella Golden Hall del Musikverein. Ha tenuto masterclass per il Conservatorio Ciaikovsky di Mosca, per l’Accademia di Dubrovnik, per molte Università Americane tra le quali Denver-Louisiana-Memphis-Houston-Florida-Vancouver Ecc, per la SMC Accademia di Seoul, il Valletta International Piano Festival, il Conservatorio di Shanghay, Xiamen e Ningbo in Cina ed il Conservatorio di Salonicco, di Valencia e di Sofia e Accademia Orpheus di Vienna. Ha inciso per la Velut Luna e Millenium vari CD di cui è recentemente uscito l’ultimo con il titolo Encores.

E’ regolarmente invitato in Giurie di Concorsi Pianistici Internazionali (Compositores de Espana – Madrid, Varallo, Osjiek, Monopoli – Barletta, Gante – Pordenone, Parigi, Viardo – Belmont, Principat de Andorra, Cantù, Rachmaninov – Mosca, Iturbi – Valencia, Parnassos – Monterrey, Astana Merei International Competition – Astana, Baltic Piano Competition – Danzica, Baijc Memorial – Novi Sad, Hong Kong International Young Pianist Competition, Nordic Piano Competition – Malmoe, Mozart Piano Competition – Aachen, Louisiana Piano Competition, Cleveland Piano Competition, ecc). Ha ricevuto dal Rotary Club il premio per la cultura Paul Harrys Fellow per tre volte. E Professore Ospite al Conservatorio di Xiamen (Cina) e professore alla Accademia estiva Orpheus di Vienna. Nel 2018 ha ricevuto il Grifone d’Oro, la più alta onorificenza dalla Città di Grosseto.Ufficio stampa European Arts Academy «Aldo Ciccolini»

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO